Le Urla dal Silenzio

La speranza non può essere uccisa per sempre.

Il grande ritorno di Gino Rannesi

bambino-tempo-orologio

Ci è mancato Gino Rannesi, in questi mesi lontano dal Blog… Non tutto è stato per suo volere, ma oggi rieccolo tra noi. E parla a raffica, di tutto e con i toni schietti che ben abbiamo conosciuto anche nelle lettere precedenti. Gino ha ottenuto la commutazione della pena dell’ergastolo in 30 e tra poco tempo finirà il tempo in carcere…. Ma lasciano volentieri a lui la parola, con tutti pezzi inediti:

LA PAZIENZA È LA VIRTÙ DEI FORTI
Salve, avrei tante cose da dirvi, ma mi contengo.
Il fatto di essere “sparito” in parte è dipeso anche da me, ma solo in parte però.
Qui, a Oristano, come certamente avrete saputo, c’è stato uno sciopero messo in atto dai detenuti provenienti da Nuoro.
Era inevitabile, infatti, nel giro di pochi anni, molti di noi hanno dapprima subito la cacciata da Spoleto, poi ancora da Opera (MI), ed infine, per completare l’opera della “rieducazione”, siamo stati cacciati anche da Nuoro.
Qui, nella galera di Oristano, c’erano e ci sono ancora molti problemi, ma per onestà intellettuale bisogna dire che, dopo un lungo colloquio con il direttore del carcere Dott.Farci, a cui ho preso parte, molte cose sono cambiate. Certo, c’è ancora molto da fare, ma io sono fiducioso(anche se qualcuno, per loschi interessi personali, rema contro).
Potevo farmi i cazzi miei, starmene in un cantuccio e aspettare l’inevitabile quanto insperata grazia che il signore ha voluto concedermi…
Un mio amico nell’apprendere della mia discesa in campo ha così scritto: “Ma tu non eri una testa calda?..”Hai detto bene, lo ero, e per certi versi, lo sono ancora.
Ma tu, caro Alfredo, sei stato fra coloro che mi hanno fatto molto riflettere. Oggi, rispetto a molti anni fa, penso che non si può anteporre la violenza alla ragione, solo le bestie lo fanno.
Sono pronto, o forse credo di esserlo, di fatto vivo in un apparente e “immotivata”angoscia.

Non scrivo dal mese di agosto 2015,
qui è difficile stampare, posso avere il computer, usare il word, ma allo stato posso stampare solo le istanze da inviare alle varie autorità, come per esempio richieste di permesso ecc.,
forse questo scritto riuscirò a farlo stampare, forse…
Potrei usare la penna, ma darei “problemi”agli amici che si adoperano per pubblicare i pezzi, infatti, questi dovrebbero battere tutti in word per poi poterli inviare, e io non voglio dare problemi… ci sono cose molto più importanti di cui c’è bisogno del loro aiuto, come la lotta contro l’ergastolo ostativo, per l’appunto…

E a proposito di persone amiche, qualche giorno fa, in via del tutto eccezionale, ho potuto incontrare la giornalista scrittrice Francesca De Carolis (Donna Fine), e il marito Mario Spada.
Trovarsi di fronte a persone perbene, per me, è sempre una forte emozione.
Francesca De Carolis, tra le altre cose, ha pubblicato un libro scritto interamente dagli uomini ombra:. “URLA A BASSA VOCE”, lo stesso che mi vede protagonista con molti scritti e commenti in una veste da ergastolano, che per fortuna non mi appartiene più.


L’amico Carmelo mi ha chiesto di rispondere al alcune domande poste agli ergastolani: “caro Gino, anche se sei un ex ergastolano, rispondi lo stesso…”
Premesso che non sono più un ergastolano, ma che ho convissuto con questa pena per ben 23 anni…
Il fatto che io non sia più un ergastolano, è dovuto a una serie di circostanze “fortunose”
Questioni tecniche che a suo tempo, da parte mia, sono state trattate con lungimiranza.
Inizio a rispondere:

1) La condanna all’ergastolo l’ho condotta con distacco, come se non mi riguardasse;
I miei pensieri per lo più furono rivolti ai meno fortunati.
Il mio stato d’animo era quello di uno che pensava che se la sarebbe potuta cavare con l’espiazione di 30 anni di galera (“che culo”alla fine è stato proprio così).

2) Fra la pena di morte e quella dell’ergastolo, scelgo la terza, ossia il rispetto dell’art. 27 comma 3 della nostra costituzione: “la pena deve tendere alla rieducazione del condannato”…

3) Come vive e pensa un ergastolano?
La risposta a questa domanda non può che essere soggettiva.
Per quanto mi riguarda, vivevo di alti e bassi, a volte non la vivevo per niente, molto spesso mi ostinavo a vivere per non morire.
Ho sempre ricordato a me stesso che: “La speranza è l’ultima a morire”, per questa ragione non sono finito nell’oblio, io posso vivere…

4) Il tempo che trascorro in carcere, lo vivo per lo più come tempo sciupato, ma dopo 25 anni di galera, mi sembra tempo rubato.
Tuttavia, alcuni momenti li ho vissuti come tempo di vita, fuori da queste mura c’è qualcuno che ogni tanto riesce a rendermi felice anche nella sofferenza.

5) Bisogno di affettività: mi manca di più l’amore o il sesso?
Ritengo che anche in questo caso la risposta a questa domanda non possa che essere soggettiva. In linea di massima direi che la cosa che mi manca di più è l’amore, tuttavia, in certi momenti, per la miseria, la cosa che mi manca di più è il sesso. E che minchia!
Non tocco una donna da 25 anni, ma poi non è forse vero che non c’è amore senza sesso?..

6) Scegli un nome o una frase per chiamare la pena dell’ergastolo: “Eresia”

7) Eventuali osservazioni sulla pena dell’ergastolo e il divieto di fare l’amore in carcere.
Premessa: osservo che, nel caso di specie, vi è una verità processuale che non è la mia, ma che mi vedeva condannato alla pena perpetua, (oggi ad anni 30), per l’uccisione di altri malavitosi in una sorta di “guerra” tra clan contrapposti.
Avrei ucciso persone che sarebbero state in grado di attaccare, di difendersi o di scappare.
Quanto descritto sopra sarebbe accaduto in un contesto di sub cultura, dove l’ignoranza regnava sovrana, Detto questo, non si può sottacere il fatto che si può uccidere in vari modi: persone dotte e colte elargiscono condanne all’ergastolo con la piena consapevolezza di condannare finanche ragazzini di 18-20 anni a morire tutti i giorni. Uno stato che delega al tempo l’esecuzione di una pena capitale è uno stato sleale…
Per quanto riguarda il divieto di fare l’amore in carcere, altro non è che il frutto della cattiveria umana, infatti, una società resa vendicativa non è in grado di concepire che anche la persona detenuta possa avere dei diritti… “vade retro satana”
Oristano
Agosto 2016

Girolamo Rannesi

 

“TUTTI CONTRO RENZI”

 Non è che mi importi più di tanto, del resto, di che cazzo si impiccia un ex malavitoso?

Beh! E invece mi importa eccome, anche quelli come me hanno famiglia: figli, nipoti ecc.

Tutti contro Renzi è diventato uno spot nazionale. Lungi dal sottoscritto il voler difendere il nostro presidente del consiglio, ma alcuni hanno veramente rotto il cazzo.

Garganella e i compagni non erano forse quelli che dovevano smacchiare il giaguaro?

Col cazzo che l’hanno fatto, sarebbe ora che mostrassero di avere un po’ di dignità e si facessero da parte. Il Giaguaro, così come è stato definito dagli incapaci, ha potuto governare il nostro paese per oltre un ventennio proprio grazie agli stessi soggetti che oggi vorrebbero fare fuori Renzi.

Vergona! Gargamella e Baffetto avidi di potere rosicano per il fatto che Renzi, forse sbagliando, mostra di avere quello che loro non hanno mai avuto e che non avranno mai…

Vogliono cacciare Renzi, e pur di riuscirci non badano a spese, che gli frega se cade il governo?

Che gli frega se con la caduta di Renzi il comico Genovese avrebbe vita facile?

E che gli importa del fatto che i beceri populisti e razzisti ne gioirebbero?

Sono così rancorosi che quasi mettono paura. Guardate con attenzione il viso di Gargamella, i lineamenti di questo, tradiscono la ferocia che ultimamente non riesce più a mascherare.

Al referendum di dicembre invitano a votare per il no, vigliacchi!

Se al referendum di dicembre, dovessero prevalere i no, tutto quello che è stato fatto negli ultimi due anni verrebbe “cestinato” e Gargamella e compagni questo lo sanno bene. Se potessi partecipare al referendum, senza dubbio alcuno, voterei per il SI. Il motivo per il quale voterei un convinto SI è presto detto, per quanto mi riguarda, se i beceri della politica sono tutti schierati per il NO, allora vuol dire che bisogna votare per il SI…

Vogliono cacciare Renzi, e per farlo non si curano dello stato in cui versa il nostro paese.

I vecchiacci, gli stessi che negli ultimi 24 anni hanno contribuito a portare il debito pubblico del nostro paese a oltre 2000 miliardi di euro, ammazzando di fatto il futuro dei nostri figli, (e in questo l’Europa non centra nulla), vogliono cacciare Renzi…

Fanculo!

“SE ANDIAMO NOI AL GOVERNO FUORI DALL’EUROPA”

 L’ha detto il “leader” della lega…

Un buon motivo perché questi non dovrebbero mai più andare al governo.

(Non si capisce il motivo per il quale i media diano così tanto spazio a coloro che cavalcano la disperazione, la paura, etc., mettendo a rischio la sicurezza nazionale).

Vi svelo un segreto:  non è vero che la Gran Bretagna è uscita dall’Europa, in realtà, la Gran Bretagna, non c’è mai entrata. “Anglo Americani”, ecco cosa sono, loro sono fedeli alleati degli stati uniti d’America, la stessa che ha tutto l’interesse perché l’Europa non diventi mai quella grande potenza che sarebbe, se solo fosse davvero unita.

E allora, per il bene dei nostri figli, bisogna battersi per un’ Europa davvero unita.. “Gli stati uniti d’Europa”.

E già che ci siamo, vi svelo un altro segreto:la Turchia non ha mai avuto alcuna intenzione di entrare a far parte dell’unione Europea… così come la Gran Bretagna, anche li Turchi, intendono servirsi dell’Europa…

Colgo l’occasione per salutare tutti gli amici del blog: pensavate forse di esservi liberati di me?

Avete pensato male… un abbraccio a tutti voi…(Giovanna del S.Francesco di Nuoro, scrivimi…)

b.y.b.y.

Gino Rannesi

Oristano Agosto 2016

P.S. NADIA- Baci, ti amo, tuo Gino. A presto..

 ELENA- Rieccoci.. a presto di presenza, Baci, Gino.

LUCINI- Ho il tuo numero. A presto, Baci Gino.

ROSSANA- Ciao Rossana, nell’attesa… un forte abbraccio.. Gino

PINA-Ciao Pinuzza, come va?

Ci sentiamo al più presto. Baci Gino

MARIA-A presto di presenza, un forte abbraccio che va esteso a LUCIANO e a tutti in famiglia.. Baci. Gino

SALVATORE-Ho ricevuto la tua cartolina, ultimamente hai scritto poco, sono un po’ “stressato”.. A presto baci, Gino

PAMELA-Ciao Pam, mi scappa da ridere, e chi l’avrebbe mai detto? Un affettuoso abbraccio, tuo amico Gino..

Mega baciotto a Nicholas, alla sua mamma e a tutti coloro che mi vogliono del bene. Vi amo vostro Gino…

 

Navigazione ad articolo singolo

3 pensieri su “Il grande ritorno di Gino Rannesi

  1. la gazza ladra in ha detto:

    Ciao Gino 😊 che piacere rileggerti😊 frizzantino come sempre .. E nell’attesa.. Ti abbraccio anch’io 😉

  2. Hbiscus in ha detto:

    Sempre piu’ pimpante, malgrado I tuoi continui spostamenti, riesci ha trasformar pietre ma tutte fiorite dal tuo temperamento fertile.
    Ah Gino! amico carissimo, è un inmenso piacere risentirti🙂
    Il coraggio c’e sempre in te, appartieni hai vivi, piu che mai.
    Impegnati sempre, anche se il luogo è quello,” un serbatoio di interessi “, questo ovviamente è quello che penso io , è nessuno me lo toglie dalla mia capa. Come costaterai la mia grinta nn cambia, mi piace dire quello che penso, anzi mi mantengo, altrimenti sputerei I miei bollenti rospi, cosi mi dico a Pi …. resta calma….
    Ho letto quello che dici sul Si è sul No, è visto che anche io ho I miei dubbi, prima di andare a fare il loro sporco gioco, mi delucedero’ meglio, per questo ti ringrazio tantissimo.
    Adesso ti saluto, augurandoti sempre lunga vita a te è a tutti quelli che TVB

  3. Alessandra Lucini in ha detto:

    Ben tornato fascinoso (se i fiori sono petalosi tu puoi essere fascinoso) Ginetto, non vedo l’ora di saperti libero, c’è tanto amore e tanto sesso che ti aspetta, non deluderli, bacioni grintoso Gino

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: