Le Urla dal Silenzio

La speranza non può essere uccisa per sempre.

Un quadrifoglio fra le sbarre, da una detenuta per Roverto Cobertera… di Carmelo Musumeci

DIGITAL CAMERA

Il nostro caro Carmelo, ha scritto un pezzo dove racconta di una detenuta che ha dedicato alcune sensibili parole a Roverto Cobertera, che sta affrontando un duro sciopero della fame per sostenere la propria innocenza.

—————————————————————————————–

Un giovane mio compagno con problemi di droga sta andando fuori di testa e sto pensando che molte volte non sono i reati che una persona commette a farlo diventare criminale, ma il posto dove lo mettono e gli anni di carcere che gli danno. (Diario di un ergastolano www.carmelomusumeci.com )

   All’inferno può accadere proprio di tutto e forse è per questo che si può trovare più umanità che in paradiso.
       Oggi una detenuta di un altro carcere mi ha mandato una lettera per Roverto, che ha fatto un duro sciopero della fame per sostenere la propria innocenza.
Dentro c’era un quadrifoglio con queste poche parole:
Ciao Roverto, sono una piccola ladra disperata, che per caso ha avuto la fortuna di conoscere Carmelo e anche la tua storia… Non mollare. Questo l’ho raccolto solo per te. Non è una montagna d’oro, però può essere un porta fortuna e una speranza in più. Non mollare. Un abbraccio.
A me invece ha scritto:
Senti, forse ti sembrerà una cazzata da parte mia, che sotto certi aspetti sono rimasta infantile (o sindrome di Peter Pan?).  Forse! Comunque i bambini si differenziano da tutti gli adulti perché conservano in loro l’innocenza, non sono cattivi ed egoisti come gli adulti.
La tua lettera a Gesù mi ha colpito molto. È bellissima. Talmente bella che l’ho trascritta e la farò appendere insieme ad altri scritti nella sinagoga vicino all’ex campo di concentramento, dove faremo una assurda festa del racconto, a dire che qui ci sono gli unicorni rosa e gli arcobaleni. Comunque anche se io ovviamente non sarò fra quelle arpie, perché sanno che inizierei a urlare peste e corna di ‘sto lurido posto, farò appendere il tuo scritto di “Marcellino pane e vino” e qualcuno lo leggerà.
Poi altra cosa che penso da giorni, ed è altrettanto infantile, però è il pensiero che conta, e il mio per te e per il tuo amico è solo buono, quindi potresti fargli avere questo bigliettino? È piccolino, ma dentro ci sono due giorni di ricerca tenace fra l’erba dell’area passeggi, finchè finalmente il mio occhio di falco ha centrato e staccato il bersaglio.
Pensavo a voi fratelli miei, a quello che sta passando Roverto, a quello che passano in molti, ma che all’ingiusta legge non frega niente. Poi però c’è la gente come te, Melo, per fortuna, e io penso che dovrebbero clonarti: ti batti per noi, ti batti per il giusto, senza paura e riesci a far vedere agli occhi esterni, coperti da chilogrammi di prosciutto, ciò che succede in questi inferni.  Ma meglio che non mi dilungo: ho colto il quadrifoglio per voi, per il tuo amico che non sa nemmeno chi sono, ma spero che vedere quel piccolo portafortuna gli dia la forza di non mollare, gli porti appunto fortuna, magari gli tiri su il morale come tu sei riuscito a  tirarlo su a me con poche ma preziose righe. Grazie per ciò che hai scritto, anch’io vi abbraccio forte fra le sbarre.
 
Carmelo Musumeci
Carcere di Padova, ottobre 2015
Advertisements

Navigazione ad articolo singolo

Un pensiero su “Un quadrifoglio fra le sbarre, da una detenuta per Roverto Cobertera… di Carmelo Musumeci

  1. Pina in ha detto:

    Dopo aver attinto, mi fermo un attimo per ritornare ha rileggere quel che c’e’ scritto, forse nn bastera, occorre memorizzala, per farne dopo buon uso, mentre un lampo di luce sfiora queste righe, consapevole di quanto e’ scritto, tutto mi e’ piu’ chiaro, senza nemmeno un ombra di dubbio …
    L’inferno maledetto di chi si arma di una giustizia mal sana, feroce, come belva assetata, dentro un disordine totale ….incappucciata …al punto che mi chiedo di quale giustizia parliamo… da ingoiare sempre contro voglia…ma dato che e’ infernale, te l’ha somministrano con forza …
    NN e’ il sistema e’ tutto colpa dell’uomo che nn ha capito un ………………………..

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: