Le Urla dal Silenzio

La speranza non può essere uccisa per sempre.

Reclamo di Pasquale De Feo dopo il suo trasferimento in Sardegna

artis

Pubblico oggi il reclamo che Pasquale De Feo ha scritto, in merito al suo trasferimento dal carcere di Catanzaro a quello di Oristano.

—————————————————————————————–

OGGETTO: Reclamo ai sensi dell’art. 35

                      Ministro della Giustizia Andrea Orlando

                      Capo del DAP- Dott. Santi Consolo

                      Magistrato di Sorveglianza di Oristano

                      Direttore del carcere di Oristano- Dott. Pierluigi Farci

                      Comandante del carcere di Oristano

De Feo Pasquale nato a Pontecagnano (SA)  il 27/01/1961, attualmente ristretto nel carcere di Oristano (SARDEGNA), ubicato in regime AS-1, in espiazione pena dell’ergastolo.

PREMESSO

Da circa un mese sono stato trasferito dal carcere di Catanzaro in quello di Oristano, sono ancora l’unico detenuto della sezione di nuova apertura di regime AS-1.

La sezione è composta da 25 celle con due posti letto, anche se illegalmente ne è stata aggiunta una terza branda.

Sono detenuto dal 1983, fino al 1992 sono stato recluso in regime comune. Dal 1992 al 1996 ristretto in regime di 41 bis. Dal 1996 mi trovo in regime di Alta Sicurezza. Fino al 2009 si chiamava E.I.V., poi AS-1 fino ad oggi.

L’E.I.V. e dopo AS-1 sono una continuazione storica dell’art. 90, come sancisce la circolare ministeriale del 1998.

Il regime dell’art. 90 stabiliva che i reclusi dovevano stare da soli in cella. Essendo E.I.V. e dopo AS-1 una continuazione storica, la norma è trasferita in automatico ai regimi citati. Sto scontando  la pena dell’ergastolo, art. 22 codice penale, che stabilisce l’isolamento diurno per i condannati a questa pena.

Il codice penitenziario stabilisce allocazione in celle singole per ogni detenuto. Negli ultimi vent’anni di allocazione E.I.V. e AS-1 è stato sempre rispettato questo mio diritto alla cella singola o isolamento diurno.

Siccome qui ad Oristano le celle sono a due posti, CHIEDO agli organi preposti per il reclamo e a quelli dove ho inviato istanza per conoscenza di intervenire affinché non venga violato questo mio diritto di scontare la pena da solo in cella.

Sono pronto ad iniziare qualsiasi protesta, anche lo sciopero della fame o farmi allocare nel reparto isolamento, affinché questo mio diritto venga rispettato.

Per i motivi esposti chiedo agli organi interpellati di intervenire per tutelare questo mio diritto, sancito anche dal codice penale.

Nell’attesa porgo distinti saluti.

Con Osservanza

Pasquale De Feo

Oristano, 12 giugno 2015

Advertisements

Navigazione ad articolo singolo

2 pensieri su “Reclamo di Pasquale De Feo dopo il suo trasferimento in Sardegna

  1. Pina in ha detto:

    Caro Pasquale, ecco la tua corazza, quella combattiva, difenderti , è ne hai tutti i diritti, anche se i diritti sono gestiti da una giustizia che è una vergogna della giustizia stessa.
    E’ poi tutti sti spostamenti , mi chiede anche io ” Perchè !! ”
    Ma a questo nn lo sapremo mai, perché coloreranno come sempre il quadro della giustizia , ” imbrattandola “…
    Reclama! Reclama ! Reclama ! gestendo alla meglio, per ciò che credi in te…
    Ciao mio buon amico

  2. Alessandra Lucini in ha detto:

    No Pasquale, lo sciopero della fame no… ti prego, ci teniamo troppo a te e non voglio assolutamente che la tua salute risenta per questi grandi abusi, devi tenerti in ottima forma 😦

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: