Le Urla dal Silenzio

La speranza non può essere uccisa per sempre.

A Marco Pannella, di Gino Rannesi

10805237_364163717086557_664835002_n Questa volta Gino Rannesi scrive a Marco Pannella, spiegando al leader dei Radicali perchè è inutile continuare a chiedere Amnistie o indulti…

A MARCO PANNELLA

Con tutti i buoni propositi, i radicali, con in testa Marco Pannella, continuano a denunciare lo stato criminogeno in cui versano le carceri italiani… (Bene) E come da consuetudine, chiedono l’amnistia… (Male) Il buon Marco continua a chiedere l’amnistia, così facendo, suo malgrado, continua ad offrire un prezioso quanto insperato assist ai forcaioli, ai corrotti e ai corruttori. Il buon Marco Pannella si ostina a non voler prendere atto che l’attuale legislatore non è nelle condizioni di legiferare delle leggi che facciano giustizia… L’unica cosa che questo legislatore può fare, sotto l’egida dei PM, è l’inasprimento delle pene… Carissimo Marco, chiedere l’indulto o l’amnistia è un gravissimo errore. Pensi forse che una piazza affamata per la mancanza di lavoro e di giustizia sociale, possa capire le nostre ragioni? –E allora? E allora bisogna battersi per il ripristino delle pene alternative… L’abolizione del 4 bis sarebbe un primo passo che permetterebbe il recupero di coloro che vogliono essere recuperati. E poi ancora, per la vivibilità negli istituti di pena… Lo sapete voi che ci sono uomini che a torto o a ragione hanno scontato 20-30 anni di galera e che continuano a essere sballottati e destra e a manca per gli interessi di pochi? È un business. Infatti, i detenuti ritenuti più pericolosi, ivi compresi coloro che hanno scontato molti decenni di galera, vengono spostati dove servono… Chi “ospita” questa categoria di detenuti, riceve maggiori finanziamenti, altresì, onorificenze di tutto rispetto… E allora viva l’amnistia, (anche se non la daranno mai), viva Marco Pannella che si batte contro lo stato criminogeno in cui versano le carceri di uno Stato che un tempo era definito la culla del diritto. Se la sono mangiata.. la culla si intende…

Gino Rannesi

Maggio 2015

Annunci

Navigazione ad articolo singolo

Un pensiero su “A Marco Pannella, di Gino Rannesi

  1. Beatrice in ha detto:

    Caro Gino, non sai quanto sono d’accordo con te, sia rispetto all’amnistia e all’indulto che spostano semplicemente un problema, sia alla sfacciataggine dei trasferimenti e della chiusura delle sezioni AS1 in così tanti istituti, sia rispetto alle misure alternative. Speriamo che la proposta dell’On. Bosio vada avanti con i frutti che merita

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: