Le Urla dal Silenzio

La speranza non può essere uccisa per sempre.

Momenti di amore… da Nellino

Sara-Stradi__canto-d-amore-tra-cielo-e-terra_g

Il nostro Nellino (Francesco Annunziata), detenuto a Catanzaro, ci ha inviato, per la pubblicazione, questo scambio di lettere tra lui e la sua Asia.

—————————————————————————————————-

Lei:

Ciao gioia mia, ieri ho ricevuto la tua lettera, quella con la pagella dentro… che dolce che sei, come un bimbo fiero di mostrare i suoi successi.. Quanto sei… e quanto sei stato in questa lettera, quanta anima ci hai messo e quanta me ne hai fatta sentire.

Da dove iniziare? Inizio con il prenderla e ripercorrerla per l’ennesima volta. Questa l’ho letta tre volte di seguito, letteralmente come non avevo mai fatto prima. Ultima parola dell’ultima pagina, prima parola della prima pagina… per tre volte consecutive, sempre avidamente, nel tentativo di cogliere quanto di più arcano c’è in te che non ti fa stare bene, quanto di tremendamente concreto di aspetta una volta uscito di là. Sempre nella speranza che la nostra fiaba non venga distrutta brutalmente da quanto ti opprime già da ora.

Le tue riflessioni, questa volta, hanno parlato delle tue corde, quelle più nascoste, quelle che generalmente non tocchi mai. Ho percepito il tuo tono di voce basso, il tuo stato d’animo provato, la tua preoccupazione. Anche nella tua ironia, soltanto accennata, c’era un velo di malinconia e… un che di timore trapelava dalle tue parole che, seppure soltanto scritte su un foglio, vibravano come se a pronunciarle fosse una voce tremolante e cauta. I tuoi timori… non so quali siano, perché dici che non vuoi farmeli sapere per lettera, eppure li sento miei, toccano anche me, incutendomi un che di inquietudine. E’ solo che non so a cosa ti riferisci, e quando non conosco le cose (i pensieri, i fatti) mi inquieto un tantino, specie se so che queste cose toccano qualcuno a cui tengo; è come se interessassero me personalmente e direttamente. E in questo caso, dato che toccano te, non è “come se” (toccassero pure me), ma “toccano anche me”.

Rispetto la tua volontà di non parlarne per lettera, ma sai che se ne hai voglia… inutile dirlo, con me puoi farlo.

Ti va ora di cambiare argomento? Vuoi ridere un po’?

In una mia lettera ti ho scritto della mia teoria delle… enni in fiore… l’età che si conquista di più… Mh! Stamattina mi sono svegliata presto, faccio per alzarmi, mi stiracchio un po’ e… bloccata!!! Un colpo tra collo e spalla che mi lascia senza respiro! Ohi! Ohi! Ohi!!! Non puoi capire come mi sento. Appena sono uscita, mi sono catapultata in farmacia, mentre ci andavo i maschietti non si risparmiavano dal guardare e commentare ad alta voce, io mi chiedevo: ma cosa avranno da guardare, che sono a pezzi. Na vecchia, altro che… enne in fiore… 🙂

Avevo detto che avrei preso la tua lettera per iniziare a rispondere, e invece è ancora sul comodino… Ho un attimo di smarrimento… oggi è il mio compleanno.

Ritorno da te.

Altro che smarrimento con te… questa lettera è come una pioggia improvvisa, lieve, ma in una giornata di sole.

Ti lascia così, senza fiato, un po’ stupita, un po’ sorridente, un po’ stranita… ti fa battere il cuore ad un ritmo nuovo, che non conosci e non puoi quindi definire. Ogni parola, una dietro l’altra, una frase dopo l’altra, mi regalano quella strana sensazione di benessere misto a stupore. La causa di tutto questo credo sia la grande incognita del futuro. E del presente, di tanto in tanto.

Mi ha stupito molto sentirti dire che sei sicuro che i tuoi figli capiranno. Non voglio dir nulla, perché non conosco questa tua situazione, però voglio dirti che il mondo dei bimbi è completamente diverso da come lo credono i genitori. Comunque non voglio spingermi oltre, rischierei di snaturare il tuo pensiero e capisco che tu non ne voglia parlare così per lettera.

Inoltre, come ti ho scritto sul fogliettino: che regalo dovremmo far loro? Corri?… Sei partito!!!

Brrr, fa freddo e sono incriccata… in questi momenti faresti beni ad affidarti al tuo yogurt all’ananas…

Ecco appunto, accontentati dello yogurt stasera… non ce la faccio più.. a domani angelo mio. Ti porto con me, come sempre, per…

(il mattino seguente)

Buongiorno, tesò

Grazie per essermi stato vicino stanotte… tuttavia: nottataccia!

Però tu sei stato con me, ti ho sognato, passeggiavamo e ci tenevamo per mano. Mi sono svegliata con la sensazione delle tue mani nelle mie. Che belle mani hai.

Chissà se nel frattempo hai ricevuto le mie lettere… che tempaccio che c’è oggi, c’è vento e pioggia.

E’ mezzogiorno! It is my beauty time.

La prossima estate qui ci saranno dei concerti e mi piacerebbe andarci con te.  Ieri sera ho finito di leggere il libro che mi hai indicato (la settima onda). Da un certo punto in poi si ride molto, ma non può essere paragonato alla nostra storia. Noi, se avessimo avuto la possibilità di incontrarci, altro che mail.

Stavo pranzando. Senti questa: suonano alla porta, è il vicino, mi chiede della mia coinquilina, non c’è, hai bisogno di qualcosa? Mi ringrazia e mi ricambia la frase, va via. Dopo 3 minuti ritorna e mi chiede se posso inviargli la richiesta di amicizia su facebook. Vuole controllare che non ci siano problemi al suo p.c. Va bene. Lo invito a restare a pranzo, ma declina l’invito e va via.

Adesso ricevo una sua email su facebook!

Dalla serie: non sapevo come chiederti di diventare amici su facebook!!! Ora lo voglio invitare a bere un caffè, mica ti ingelosici? Vediamo cosa voleva dire questa strana richiesta di “aiuto”!

Ih! Ih! Ih! Mi piace, giocare, concedimelo.

Dopo ti racconto. Stai tranquillo, è grandicello, ha figli! Capirai, tu hai anche una moglie!!! Ha! ha! ha!

5 ore dopo (e qui starai impazzendo… 🙂 ).

Abbiamo chiacchierato un pochetto.

Comunque non farti strane idee, è tranquillo.

Questo è il foglietto che avevo scritto in classe, di cui ti ho parlato:

questa tua lettera mi ha toccato particolarmente perché ti sei fatto sentire fin dentro le viscere, sfogandoti a cuore aperto con me… Posso dirti che ho lasciato i fogli nelle mani come se avessi preso una scossa quando ho letto una frese circa un “regalo che dovremmo fare ai tuoi figli. Tra l’altro il condizionale è mio, tu hai usato proprio il futuro… O.K. I bimbi il loro problema lo hanno risolto… noi il “nostro” quando lo risolveremo?

Amore mio, ormai molte cose senza di te non hanno più alcuna importanza.

Ti bacio lievemente

tua Asia

Ore 5:30 il giorno dopo

——————————————————

Lui:

Buongiorno principessa

Sicuramente sarai ancora nel mondo dei sogni.

Ormai sveglio, ho preferito alzarmi e rispondere alla tua lettera. Sono rimasto un po’ indietro con la posta.

Inizio subito che tra me e te c’è qualcosa di soprannaturale. E’impossibile spiegare altrimenti il fatto che, quando tu mi sogni, anche io lo faccio. Sono tre notti che ne andiamo a spasso nei sogni.

Inoltre è davvero inspiegabile come, attraverso dei fogli, tu riesci a percepire e comprendere perfettamente ogni mio stato d’animo. A volte capisci anche ciò che non dico.

Come sai non è semplice con la penna.. a volte l’inchiostro pare così impersonale, così freddo, eppure tu riesci a cogliere ogni sfumatura. Questa tua lettera è tanta roba.

Sei dolcissima e molto “convincente”. La frase che,ogni volta che leggo mi spinge a raccontarti tutto è: “rispetto la tua volontà di non volerne parlare per lettera, ma sa che se ne hai voglia…. inutile dirlo, con me puoi farlo”.+

E’ una spinta che mi sale dallo stomaco e resistere alla tentazione è molto difficile. Ci riesco a stento solo perché continuo a ritenere che non sia giusto farlo per lettera. 

E forse perché sento dentro di me che non sono ancora pronto a condividere questo dolore con un’altra persona.

La voglia parte dalla fiducia che nutro nei tuoi confronti. Quando parlo con te, le tue parole ti fanno sentire parte di me.

Abbandono questa parte triste con una battuta che poi tanto battuta non è: ho la sensazione che seppur non te ne parli, tu sappia per filo e per segno di cosa si tratti.

Sensazione molto frequente tra noi!!!

Gioia ne parleremo quando sarò fuori  e noi due saremo occhi negli occhi.

Per quanto tu ne possa pensare, ti sta arrivando una immagine distorta di me. La scenetta con il tuo vicino mi ha fatto ridere molto e per niente ingelosire. Perché hai pensato che potessi essere geloso o addirittura arrabbiarmi?

Comunque si capisce perché ti sei “persa” con me.

Forse gli uomini fuori veramente non ci sono più. Dai… capirai perché sono crepato dalle risate nell’immaginare la scena.

Ti ho alla porta accanto e ti chiedo amicizia su facebook? E ti credo che ti piace giocare, ti ci diverti…Dovevo essere io il tuo vicino… Ti avrei fatto giocare molto di più… 🙂 (malizioso).

5 ore a parlare? Sì! Sì!… Anche con me saresti rimasta a… parlare… !!!

I muscoli mi si sono tesi ma non per gelosia, ma solo perché devo ancora attendere per stare anch’io… 5 ore a… parlare… con te.

Veniamo ad un’altra tua frase buttata lì per caso: “sempre nella speranza che la nostra fiaba non venga distrutta brutalmente da quanto ti opprime già da ora”.

Dovrei scrivere un romanzo per rispondere solo a questo.

Ascolta amore mio, sicuramente i tuoi timori sono comprensibilissimi. Noi viviamo questa fiaba, ma io ti assicuro che per me è bellissimo anche quando ne usciamo fuori e ci catapultiamo nella realtà come adesso.

La nostra fiaba non sarà mai distrutta.

Questo è un sogno ed a noi piace viverlo e lo vivremo. Tante volte ho seguito il tuo suggerimento di viverci il momento così come stiamo facendo, anche se ci rendiamo conto che le cose sono diventate più serie del previsto.

Ci svegliamo per brevi momenti che ci costringono a pensare al futuro ed alla realtà che ci circonda, ma subito ci rifugiamo nel sogno. Amore mio, un giorno affronteremo quella realtà, probabilmente sarà più complicata di quanto immaginiamo, ma ciò che significa? Quello di oggi niente e nessuno potrà mai distruggerlo.

A volte mi apro troppo con te. Non con te, mi riferisco per lettera.

Ci sono parole che, per quanto noi ci capiamo, su un foglio assumono un significato e un valore diverso. Sono argomenti seri, troppo seri per metterci a discuterne per lettera e nelle condizioni in cui siamo. E’ giusto, per essere chiari, sarà vero che il mondo dei bimbi è diverso da quello che immaginiamo, però tu non dimenticare che io bambino ancora lo sono… bimbo!!! :-)!

Certe cose non si affrontano neanche quando due persone sono da vicino e hanno la possibilità di stare insieme, vogliamo affrontarle noi senza esserci mai visti?Credimi, io penso che noi saremmo anche capaci di farlo, vengono momenti come questo in cui sento che tra noi non esiste distanza, come se fossimo a letto insieme e discutiamo tra un sorriso e una carezza quello che sarà il nostro futuro. E… così voglio fare.

Vedi amore mio, tutto dipende da cosa vogliamo ognuno di noi dalla vita. Io desideravo una famiglia felice.

La nostra storia non sarà mai distrutta. 

Io capisco cosa vuoi dire.

Mi sono innamorato di te e questo non può essere una colpa.

Il grande senso di responsabilità verso i miei figli mi frena dal buttare tutto all’aria. L’amore per i miei figli è qualcosa di non misurabile. Loro ormai sono grandicelli, mi aspettano da una vita, aspettano di potere avere anche il loro papà seduto a tavoa, che li accompagna a scuola, in palestra, in vacanza. Quando penso che non potranno mai averlo come lo sognano loro, vengono fuori lettere come la precedente.

Non potranno averlo come sognano loro e tu non c’entri nulla, indipendentemente da te e da noi. Quando ti dico che sono sicuro che loro capiranno, ho le mie buone ragioni per affermarlo e sono strettamente collegate al mio stato d’animo e a ciò che mi affligge. Comprendo il tuo ragionamento sulle difficoltà che ogni genitore affronta nel capire davvero i bambini. E’ complicato per quei genitori che hanno dimenticato cosa vuol dire essere bambini. Io sono ancora più bambino di loro, per cui ricordo cosa pensavo io alla loro età e gli sono molto vicino. Il mio “dubbio” più grande è quando gli parlerò e, loro, seppur capendo le mie ragione, mi chiederanno ugualmente di restare, io sarà così forte, sarò capace di restare sulle mie posizioni? Sì! Saprò valutare quale sarà il male minore per loro se due genitori separati o due genitori che fanno finta di stare insieme per amore loro? Sceglierò sempre pensando solo al loro bene.

E tu? Ti ho distrutta vero? Mi spiace… sei troppo sensibile per affrontare questi temi delicati senza morirne.

Indipendentemente dal tipo di rapporto che avremo, che vorremmo, che sarà, non possiamo prevedere il futuro.

Tu sei un raggio di sole che è arrivato nella mia vita quando tutto era irrimediabilmente rotto.

Conosco il tuo spirito, ci tengo che tu sappia questo.

Tu un giorno mi dicesti che, se ci fossimo incontrati fuori, ci saremmo costretti ad una vita da amanti.

Ecco come ti risposti allora, ti rispondo adesso: no! Non è questo che voglio da te.

Sei un angelo troppo prezioso, troppo importante e troppo onesto.

Sono innamorato di te e non saprei esserlo della mia amante. Sono innamorato della mia ragazza unica e sola. Non sono tipo da amante. I miei occhi non sanno mentire e tu non lo meriti. Per me non sei una “storiella”, per me non sei un’avventura.

Non essere inquieta. E’ una vita che esisteva prime di te, ne siamo e ne eravamo consapevoli fin dall’inizio. Ogni giorno i sentimenti tra noi si fanno sempre più forti e certe cose iniziano a venire fuori. Amore io IO VEDO il giorno che saremo a faccia a faccia seduti sul nostro divano: e ora? E ora cosa?

Ed ora facciamo l’amore, afferriamo il cielo con le mani e lasciamo che… questa notte non abbia mai fine. Al sorgere del sole ci guarderemo negli occhi e sapremo cosa fare.

L’unica cosa che può farmi arrabbiare è solo se hai una difficoltà e me la nascondi. Il resto per me conta poco. Ho fiducia in te.

Se non ti piace essere al centro dell’attenzione, allora sei rovinata! 🙂 Cambia ragazzo!!! Come me sei sempre al centro del mondo.

Hai preso la scossa quando hai letto del regalo che faremo ai miei figli?

Ma di che regalo stavo parlando?…. 🙂

Noi il nostro problema lo risolveremo appena avremo la possibilità di stare un po’ da soli.

Vuoi fare l’amore con me?

Fidati di me!

——–

Faccia a faccia si tengono le mani, fronte contro fronte, naso-naso, occhi negli occhi, sguardo alle labbra che si sfiorano, si toccano, si mordono per un attimo, per poi staccarli di un millimetro, si baciano intensamente, forti passionali e interamente dolci, le mani si lasciano guidare dai corpi, le sue cingono i fianchi di lui, quelle di lui percorrono le sue braccia, le sue spalle, fino a prendere tra di esse il suo viso, il contatto tra i suo polpastrelli e la schiena di lui lo fa rabbrividire e piano piano gli sfila la maglietta, la guarda sorridendole, ricambia con malizia prima di affondare i suoi denti sul collo, gli afferra le mani: Aspetta… la stringe forte a lui, adagiandola sul divano e baciandola l’aiuta a spogliarsi, resta incantato: ti voglio ora e adesso

Stretti in un abbraccio che impedisce di respirare, stremati dall’attesa, inevitabile, quando due persone si amano come loro, corpi arrossati dai morsi e dal desiderio di fondersi finalmente in una sola anima. Guida lui alle porte del paradiso, ancora un attimo di esitazione… ed appartengono ad un solo essere, sono un solo corpo, assecondano l’onda che li travolge…

Ora non oso immaginare che cosa mi farai… ti sei accorta che… non ho saputo mantenere la “promessa”, ho ceduto alla tentazione… Non ci resta che sperare che… la “cicogna” trovi chiuso al suo arrivo! HA!HA!HA!HA!HA!

: conoscendo voi maschietti… ho preso le mie precauzioni… 🙂 Str…. !

Vieni qua, fatti coccolare un po’…

Ricominciamo?…

Ti amo…

TUO Francesco

———————————————————————————

Mail:

Buon San Valentino e buona chiusura ermetica dentro casa finché non sarò con te.

Asia:

San Valentino… Buon San Valentino, vita mia!

Hai mai ricevuto una sorpresa così? Accendere il p.c., dopo la colazione, controllare la posta e trovarci in mezzo a 5 mail, una con oggetto: Francesco. Quando l’ho aperta ho pensato che fosse uno scherzo di cattivo gusto, poi ho realizzato che poteva provenire da te matto che sei… quindi eri tu, anche se non puoi spedirla direttamente, significa che te ne sei ricordato per tempo ed incaricare tuo fratello di spedirmela. A raccontarlo nessuno ci crederebbe alla grandezza di questo gesto. La sorpresa, l’emozione, la felicità… san Valentino, e chi l’ha mai festeggiato? Eppure questa volta ha avuto una importanza maestosa. Ricevere una email dal proprio uomo… ho fatto un salto e non puoi capire quanto ho riso! Cosa mi fai dentro di me non lo puoi capire! Ho ricevuto anche il tuo telex “chiusa in casa festeggia il tuo compleanno più bello”.

Chiusa in casa in verità non ci sono stata, ma non ho fatto niente di che! Venerdì… però facciamo la seratina tra donne.

Il mio compleanno più bello? Ognuno che entrava nel locale subiva il mio sguardo fulminante: Non è Fra, non è Fra, non è Fra. Il mio compleanno più bello deve ancora venire. Verrà quando potrò vivere anche i giorni più belli.

Grazie Fra per quello che sei in grado di regalarmi… Non riesco a descrivere il mio stato d’animo, non ci sono mai riuscita, ma se ancora mi senti come prima, puoi percepirlo…

Penso che nonostante abbia sempre detestato questa festa… con te sarebbe stato diverso…

Mannaggia a te, che m’hai fatto?

Amore mio, stammi vicino anche stanotte.

Io ti.. amo.

Tua Asia

Buon San Valentino anche a te, buona chiusura ermetica a te finché non sarai con me.

Mai San Valentino è stato più stupefacente, mai gesto più romantico.

———————————————————————————————-

Fra:

Ciao amore mio,

ho ricevuto la tua lettera per San Valentino.

Ero in attesa di telefonare, quando mi hanno consegnato la tua posta, l’ho letta in quel momento, non potevo resistere. Pensavi fosse uno scherzo di cattivo gusto i miei auguri? Dai, chi poteva mai fare uno scherzo simile? Immaginavo che saresti rimasta sorpresa, avrei tanto voluto vedere il tuo viso.

Amore, oggi sono un po’ di fretta. Ti racconto brevemente la discussione che si è scatenata in classe. Siamo a Goldoni, leggendo una parte de “la locandiera”, mi è scappato un commento del tipo. Ah! Però! <<Questa Mirandolina (la protagonista) non si differenzia molto da tutte le donne, a partire da Eva fino ad oggi, “la” promette a tutti, ma non la “dà” a nessuno>>. Apriti cielo! Da una infinita discussione sulla diversità di ogni individuo al personale del timo <<tu non mandi fiori ad una donna senza essere certo che siano graditi, tu non sei il tipo che chiede ad una donna se non sei sicuro che ti dice di sì>>. Ancora oggi non capisco la connessione tra questo e la mia battuta, ma come sai i prof. hanno sempre ragione..:-)

Tu sai che i miei auguri per il tuo compleanno:…. buona chiusura ermetica in casa…

erano un preteso per strapparti un sorriso… Amore mio come posso farti capire quanto io mi fidi di te? Tu sei il mio rapporto ideale.

Io con te mi sento al sicuro.

Non ho alcuna paura.

Per me che tu esca da sola o in compagnia maschile o femminile che sia, non mi crea nessuna ansia, sono tranquillo, mi sembra di conoscerti da una vita.

Hai detto che sei fidanzata con un fantasma? In fin dei conti è la verità. Hai un fantasma per fidanzato, c’è e non c’è! 🙂

Forse stasera è la serata in cui veramente ho realizzato quanto tu sei importante per me. Purtroppo dovrà passare ancora del tempo prima che potremo essere felici insieme.

Buonanotte mia principessa.

Tuo Francesco.

TO BE CONTININUED

Annunci

Navigazione ad articolo singolo

3 pensieri su “Momenti di amore… da Nellino

  1. pamela in ha detto:

    Lasci sempre senza parole, senza respiro… Solo tante visioni e tanti pensieri sospesi.. come in caduta libera… … … …

  2. Mi sono permessa di scorrere queste righe, col piacere di sentire le tue corde, che si accordano, rimbalzano, si adagiano, emettendo un dolce suono, che solo tu e la tua Asia, siete in grado di afferrarla, mentre il resto resta fuori, la vostra musica continua a vibrare…

  3. Alessandra Lucini in ha detto:

    Amore non è acqua, l’amore non si può spiegare perchè fugge esso stesso da se stesso.
    Il libro “la settima onda” ce ‘ho in casa e sarà il primo che inizierò, mi avete incuriosita.
    Auguroni ad entrambi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: