Le Urla dal Silenzio

La speranza non può essere uccisa per sempre.

Le società segrete (sesta parte)… di Fabio Falbo

Societas

Ecco la sesta e ultima parte del testo sulle società segrete che ci ha inviato Fabio Falbo, detenuto a Rebibbia.

—————————————————————————————————————————————

LE SOCIETA’ SEGRETE IRLANDESI

Da quando Enrico VIII aveva tentato di stabilire definitivamente la dominazione inglese sull’Irlanda, quest’ultima aveva sempre moltiplicato i tentativi per riconquistare la sua indipendenza. Alla fine del XVIII sec. furono fondati gruppi del genere dei quali cito i principali: gli “irlandesi uniti” fu creata a Belfast nel 1781; il suo scopo era di scuotere la dominazione della Gran Bretagna, con l’aiuto della Francia.

Gli “Irlandesi uniti” furono influenzati dalla guerra d’indipendenza degli Stati Uniti, poi dall’ideologia della Rivoluzione francese, come mostra il “catechismo” seguente, che l’iniziato doveva imparare a memoria:

D: Siete dritto?

R: Lo sono.

D: Diritto come?

R: Come un giungo.

D: Si continua dunque?

R: In verità, in lealtà, in unità, in libertà.

D: Che cosa avete in mano?

R: Un ramoscello verde.

D: Dov’è spuntato?

R: In America.

D: Dov’è fiorito?

R: In Francia.

D: Dove lo pianterete?

R: Nella corona di Gran Bretagna.

Il “Sinn fein” società segreta (espressione gaelica che significa “noi soli”) ecc. ecc.

La questione dell’Ulster e l’I.R.A. Ulster e la questione dell’Irlanda del Nord, ha sempre costituito un punto nero nei rapporti tra Irlanda e Inghilterra. I.R.A. (Irish Republican Army) vuole che l’Irlanda sia una e, a questo scopo, combatte contemporaneamente il governo irlandese, giudicato traditore, ecc. ecc. 

IL KU KLUX KLAN

Dopo la guerra di secessione, la disfatta degli Stati del Sud aveva portato ad una situazione molto spiacevole per i bianchi di quella regione; gli schiavi, essendo stati liberati e di conseguenza muniti di diritti elettorali, detenevano la maggioranza politica in quegli stati e disponevano in tal modo di un potere immenso rispetto ai loro antichi padroni.

Costoro giudicando che quello stato non poteva durare, decisero di agire. Così un gruppo di ufficiali dell’esercito confedereale fondò a Nashville (Tennessee) la società segreta conosciuta sotto il nome “Ku-Klux-Klan”” (in genere si considera questo nome bizzarro come un’onomatopea che imita il rumore provocato dal tiratore armando un fucile di vecchio modello).

Il “Klan” o “Impero indivisibile del Sud” prese ben presto una grande estensione, moltiplicando le logge, chiamate “antri” (dens).

Gli iniziati prestavano giuramento e disponevano di segni di riconoscimento trasmessi oralmente: i riti d’iniziazione e le riunioni si distinguevano per un insieme di cappucci ed altri ornamenti bizzarri.

Il “Klan” doveva tuttavia risuscitare col favore della prima guerra mondiale: i soldati di colore, rientrati in America dopo avere sperimentato il disdegno per le differenze razziali praticato dalle nazioni europee, erano poco disposti a continuare a sopportare la condizione inferiore nella quale i bianchi volevano mantenerli (in certi stati del Sud i neri sono tre volte più numerosi dei bianchi, e quasi privi dei diritti elettorali).

Lo scopo confessato dell’associazione era “d’inculcare nell’uomo i principi sacri della cavalleria di sviluppare il carattere, proteggere il focolare e la castità della donna, sostenere il patriottismo e mantenere la supremazia bianca, ecc.ecc.”.

 

Annunci

Navigazione ad articolo singolo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: