Le Urla dal Silenzio

La speranza non può essere uccisa per sempre.

Lettere dal di fuori… da Patrizia a Carmelo

Letterasss

Oggi pubblico una lettera inviata a Carmelo dalla sua amica Patrizia.

———————————————————————

lunedì 8/9/14

Ciao Carmelo, mi dispiace di rattristarti, ma con te butto fuori quello che sento e penso veramente. Anche con la mia psicologa, ma ad altri, che non ci riesco proprio più. Ho conosciuto troppa falsità. Non mi dire, ti prego, di riavere fiducia nel mondo, perché preferisco vivere con un po’ di titubanza, non tutti ascoltano per consigliarti o tirarti su, anzi, non so quanto ascoltano.

Le persone che ascoltano non è che ce ne siano molte. Molte cose andrebbero meglio penso!!!!
Il carcere dell’Asinara non si può definire triste. Torturare le persone.. non può esistere un regime così. E’ rabbrividente, da gelare la schiena. Si può  solo provare un senso di dolore forte al cuore. Non voglio immaginarti lì. Lo cancello. Perché mi fa sentire la gola secca e una gran voglia di aprire la finestra, urlare, che vergogna!!!!

Ci sono tante voci, ci saranno sempre voci che diranno quello che hai passato. Spero con l’anima un giorno di sentire la tua voce, anche per telefono “sono libero”. Questo per me è la cosa più importante. Santo cielo. Ma anche loro saranno papà, nonni. Cioè punire è giusto, ma la punizione non è perseverare, perché se no uccidi anche tu una persona. Io sono contraria alla punizione a lungo tempo, ma cercano di spezzare l’animo?

Se no è pazzia. Dopo 24 anni, ma cos’è??

Mancano i forni crematori. Ma qui è anni che dicono che l’Italia è un Paese democratico, se no sono tornati indietro anni luce, almeno per quanto riguarda gli ergastolani fine pena mai.

Carmelo, sai, per capire le privazioni, le sofferenze, e tutto il dolore bisogna averlo provato, se no si ha un cresta intono al cuore. Non capiscono!!!! Oppure, essere persone oltre, intelligenti, sensibili e concrete.

Spero solo che esci, che torni a vivere!!!! Con la tua famiglia che ti ama. I tuoi versi sono molto, non trovo parole. Poche righe. 24 anni concentrati, un quarto di vita se uno ha la fortuna di vivere cent’anni. Se no può essere una vita intera!!!

Ricorda i figli che amano, amano per sempre. Mia mamma e mio papà, anche alla mia età sono stati i miei più grandi amori. Li rivivrei, Dio solo sa quanto, eppure non sono stata una figlia perfetta!!

Ciao Carmelo, non mollare mai, mai.

Un abbraccio cara Patrizia

Advertisements

Navigazione ad articolo singolo

Un pensiero su “Lettere dal di fuori… da Patrizia a Carmelo

  1. Alessandra lucini in ha detto:

    Commovente questa lettera, ed oltre a dire a Patrizia di non demordere lo dico anche a te Carmelo, non mollate mai.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: