Le Urla dal Silenzio

La speranza non può essere uccisa per sempre.

Un’altra lettera di Pasquale De Feo a Papa Francesco

papafrances

Questa è la seconda lettera che il nostro Pasquale De Feo -detenuto a Catanzaro- ha scritto a Papa Francesco.

Risale ad alcuni mesi fa, ma non è certo “scaduta” nel suo valore.

E quindi la pubblico oggi.

—————————————————————————————————————–

Gent.mo Papa Francesco

Questa è la seconda lettera che le scrivo nel giro di un mese. Mi auguro che il suo entourage le abbia fatto leggere la precedente anche se ci creo poco.

L’altro giorno ho ascoltato le sue parole “rafforzare le istituzioni democratiche in Italia”, un concetto di civiltà che purtroppo, con la politica che ci ritroviamo, sarà molto difficile attuare.

Ma, a parte questo, non credo che ci possa essere democrazia e civiltà in un Paese che ha istituzionalizzato la tortura.

Da 20 anni esiste un regime di tortura nelle carceri chiamato 41 bis; la censura la nasconde con le parole, nel frattempo la barbarie è stata legalizzata anche culturalmente.

Loro ritengono che è lecita, perché siamo in “democrazia”, come se la tortura esercitata in democrazia divenisse legale, ritenendola tortura democratica.

Tutte le persone che occupano posti istituzionali, compreso il Presidente della Repubblica Napolitano, conoscono questo orrore, ma si autocensurano, come se questo non li rendesse complici.

Dagli ospedali e dalle carceri si vede la civiltà di un Paese. L’Italia è molto indietro.

Confido molto che lei, quando ne avrà l’occasione di dire due parole ai politici che si ritengono cristiani, lo farà.

Noi chiediamo di scontare la nostra pena civilmente senza subire torture.

Augurandole che la pace di Gesù guidi sempre il suo cuore. L’abbraccio fraternamente.

Con la massima osservanza.

De Feo Pasquale 

Annunci

Navigazione ad articolo singolo

3 pensieri su “Un’altra lettera di Pasquale De Feo a Papa Francesco

  1. Alessandra lucini in ha detto:

    Ciao Pasquale, e speriamo che il Papa legga le tue lettere, scrivi ancora e ancora e ancora fino a che non otterrai una risposta.

  2. mare_viola@live.it in ha detto:

    mio cara amico, come sempre vedo te predisposto al dialogo , specie con certe autorità, come il Papa , si sarà vero che si mostra delle volte duro rivolgendosi alla classe politica, ma come dici tu , in un paese , come il nostro, dove il degrado è le istituzioni prevalgono con la dittatura , vedasi ultime notizie, fanno rabbrividire , tanto da farti perdere la fiducia, infatti io non ne do , e non glie ne do.
    Come si può spezzare, il potere, direi ho si è folli, ho si è scemi .
    Il male è ovunque, bisogna che scompari l’uomo per un nuovo ripopolamento , mi fermo qua , oltre non so dove andare , e a quale santi chiamare , tanto , io manco quelli ci credo, ma vivo nel rispetto della tolleranza . Aiutiamoci se ne siamo capaci, basta così poco …

  3. beatrice in ha detto:

    l’altra volta di aveva risposto Pasqualino e io spero che tu sia ascoltato sempre e comunque. Un abbraccio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: