Le Urla dal Silenzio

La speranza non può essere uccisa per sempre.

Pietro Borsetto. Storia di una persecuzione (seconda parte)

Persecut

Pubblico la seconda parte (per la prima vai al link…https://urladalsilenzio.wordpress.com/2014/05/14/pietro-borsetto-storia-di-una-persecuzione-prima-parte/) dell’intervista che ho fatto a Pietro Borsetto, che da 22 anni subisce una vera e propria persecuzione. Una persecuzione estrema. Un’azione, concertata a tutti i livelli, per distruggerlo. Fate conoscere questa storia. Diffondetela. Nessuna persona dovrà più essere trattata così. E poi.. non facciamo sentire solo Pietro. Più l’ingiustizia viene illuminata, più è difficile, per chi gioca sporco, agire nell’ombra. 

————————————————

Ah… non ti avevo detto che per quello che avevo subito, l’occhio perso, ecc… l’inail mi ha riconosciuto l’invalidità per cause di servizio, cioè infortunio sul lavoro per omissione di sorveglianza.

– “omissione di sorveglianza” nel senso che… ?

Se uno va cento volte daal primario, alla direzione sanitaria, al direttore dell’ospedale”guardate, mi stanno .. io sono in pericolo.. perché dal punto di vista della salute, dal punto di vista del non curarmi, dal punto di vista delle minacce continue dell’aiuto ecc.. io sono in pericolo..chiedo di essere tutelato..”… e quelli comunque non fanno niente è omissione di sorveglianza. Ma è l’Inail che mi ha riconosciuto questa invalidità, un ente esterno. L’Asl si è sempre guardata bene dall’entrare nel merito di queste cose. Comunque io prendo davvero una ricchissima cifra da allora per compensare il fatto che abbia perso un occhio. Prendo duecento euro al mese. Il mio occhio perso e la carriera rovinata, e tutto quello che ne è conseguito per un chirurgo oculista, vale duecento euro al mese. Ma nonostante tutte le mie denunce, i soggetti coinvolti non solo non hanno mai avuto nessuna condanna, non hanno mai avuta nessuna indagine per quello che mi hanno fatto. Quante me ne hanno fatte.. mi hanno licenziato, mi hanno picchiato, sono diventato invalido, mi hanno fatto l’impossibile. Comunque, prima di licenziarmi, me ne avevano fatto un’altra..

-Racconta..

Mentre ero ancora in malattia, per il femore rotto sempre, ricevo un ordine di servizio. Già questo, di per sé, è una immane porcheria, perché tu non puoi ricevere un ordine di servizio mentre se in malattia. E’ una cosa si anticontrattuale che anticostituzionale. Perché non puoi contrastarlo con nulla, non puoi difenderti. Quello che mi avevano scritto era grossomodo questo “visto e constatato che la presenza del dottor Borsetto in reparto ha causato parecchie tensioni, parecchi contrattempi e parecchi disguidi per i pazienti.. si decide con ordine di servizio immediato di adibirlo a servizio ambulatoriale esterno presso gli ambulatori di Porto Torre, di Porto Viro, di Vattelapesca, di Adria ecc. con cadenza due ore qua, due ore là, due ore lì, tutti i giorni, firmando il cartellino ogni volta presso l’ospedale di Adria, con divieto di accesso in reparto, senza richiedere qualsiasi ferie al primario del reparto ed è inoltre responsabile di tutta la strumentazione degli ambulatori in cui opererà”. Alfredo, si tratta di posti tutti belli distanti l’uno dall’altro. In pratica io, con un occhio solo, invalido, avrei dovuto fare, ogni giorno, oltre alla strada per andare da casa mia all’ospedale.. altri 300 km. Due ore in un laboratorio, due ore nell’ambulatorio distante 80 km, due ore in laboratorio distante altri 50-60 km, ecc. Tutto questo naturalmente di ratio medica e di ratio amministrativa non ha nulla.

-Un esempio del genere sembra preso da un film grottesco. Sembra una parodia della persecuzione. Non sembrerebbe possibile che qualcuno possa essere capace di mettere nero su bianco queste cose.

Il solo intento è quello di fare scoppiare uno. Impugnai quell’atto di fronte al Tar. Facendo, tra l’altro, anche valere il fatto che, agendo così mi dimensionavano, mi cambiavano contratto, essendo io stato assunto da contratto come “dirigente di ruolo” – il massimo livello – “presso l’ospedale di Adria, Via Badini, adria”. A proposito di “abbassarti” come forma di umiliazione, negli ultimi anni in cui avrei lavorato per le strutture pubbliche mi avrebbero messo a fare soprattutto occhiali, in ambulatori sparsi in mezzo al nulla, che hanno strumenti vecchi di venti anni. Ritornando all’ordine di servizio folle che mi avevano inviato, si tratta di un ordine a chi non ho mai adempiuto, uno perché era impossibile adempierlo, e due perché poi mi hanno direttamente licenziato. Il licenziamento è stato seguito da un atto che era l’equivalente mediatico del linciaggio. Sul Gazzettino, Il Resto del Carlino, ecc. del 1998 è stata fatta pubblicare, a pagamento, una intera pagina-LA PRIMA – il cui titolo era “medico assenteista licenziato, un caso esemplare e unico in Italia”. Il pezzo era scritto dall’avvocato Migliorini, quello di cui ti ho parlato prima, quello che Galan definiva il suo tutore politico, quello che faceva parte del Rotary di Adria. Quei giornali pubblicavano una prima pagina del genere di fango, e a me nessuno era venuto a chiedere niente.

-E poi c’è la macchina del fango.

La gente quando vede sui giornali che vengo…licenziato da una parte.. licenziato dall’altra.. accusato di questo.. accusato di quello.. alla fine messo in carcere.. cosa possono dire.. “vedi, c’hanno sempre avuto ragione, questo è sempre stato un delinquente..”.

-Fanno terra bruciata..

Sì, soprattutto con chi è esterno al mondo medico. Perché molti colleghi sapevano cosa stava accadendo. Sapevano che ero il target da fare fuori e sapevano i mezzi che venivano utilizzati contro di me. Ma cosa può capire la gente? Che il mostro sono io. Che se da trent’anni subisco rapporti, licenziamenti, denunce, di tutto, il problema sono io. E ciò unicamente perché nessuna autorità, nessuna, mi ha tutelato: Tutte hanno omesso di intervenire o perlomeno di accertare, a fronte di ripetuti e documentati esposti a mia firma, ovvero dolosamente omettendo atti d’ufficio dovuti. Io, per trent’anni ho scritto a SVARIATE DECINE di autorità, di diversi profili; anche figure ecclesiastiche. Una che si sia degnata anche solo di dirmi “cane, mi dispiace o cane, non posso fare niente”. Alcune non avevano il dovere giuridico di farlo, anche se magari quello umano sì. Altre invece –come magistrati, procuratori della Repubblica, direttori di ospedali- avevano il vero e proprio dovere giuridico di leggere e di istruire una pratica. Nessuno ha mai fatto nulla. Tutta questa gente che ha commesso crimini contro di me si è coperta a vicenda e negli anni è sempre andata avanti, continuando a fare carriera, carriera, carriera.

-Una come la tua è una di quelle storie così estreme che la gente in immaginerebbe mai che possono accadere.. in genere le persecuzioni avvengono in modo più soft… un trattamento verso di te come se fossi il nemico pubblico numero uno.. tanto da arrivare a comprare pagine di giornale per coprirti di fango

Se vuoi, tra virgolette, è anche colpa mia. Perché non mi sono mai fermato. Ho continuato denunciare, mi sono rivolto a tutti, a ogni genere di carica e figura, anche le più elevate. Io non mi sono rivolto alle cariche più elevate. Ho iniziato dal livello più basso e sono poi, via via, salito. Diciamo che il mobbing è diffusissimo da sempre. Le vessazioni sul lavoro ci sono sempre state e sempre ci saranno. Ma io sono un caso estremo, perché una persona normale, con meno rabbia, con meno palle delle mie, se ne sarebbe scappata molto prima e in mille maniere diverse. E le occasioni le avrei anche avute per farlo. Ma io, invece, più mi facevano del male, più mi rendevo conto di avere ragione, più mi incazzavo. Non ho mai piegato la testa. E quando fai così, quando ti accanisci a resistergli, o ti fanno crollare, o ti fanno andare fuori di testa, ti fanno suicidare. Certo, ho avuto i miei momenti durissimi. Quando nel 2010 sono finito sotto processo con l’accusa infamante per cui sono andato in galera –come tra un po’ ti dirò- sono stato sei mesi a letto, psicologicamente a pezzi. E’ stato un momento di depressione fortissima. C’è gente che prende una pistola e spara e si spara per un milionesimo di quello che è successo a me. Io sono sempre andato avanti, botta su botta, colpo su colpo, contestazione su contestazione, portando la denuncia sempre più in alto, denunciando sempre più persone. La “colpa” quindi è stata mia, perché sono andato avanti e mi sono fatto nemici sempre più potenti. Tutto ha generato una così assoluta compattezza nei miei confronti. Questa storia dura da troppi anni e troppe persone ormai non mi sopportano più da tempo.

-Tornando a ciò che è avvenuto dopo il tuo licenziamento..

Una volta licenziato dall’ospedale per assenteismo mentre ero ricoverato in ospedale per via della frattura del femore, ho subito cercato di rimettermi nel circuito del lavoro. Mi sono iscritto, anno per anno, alle cosiddette “sostituzioni” presso gli ordini dei medici, per i posti vacanti, per gli specialisti ambulatoriali interni… nella fattispecie oculisti.. che dovevano fare delle ore, che mancavano, per fare esclusivamente visite ambulatoriali presso i vari distretti, i vari ospedali, le varie ASL del Triveneto. Qui la graduatoria era per soli titoli di anzianità di servizio. Ogni anni ci si iscriveva a quasi tutte le ASL che interessavano o che si volevano, anche se si sapeva che lì non sarebbero andati. Diciamo che serviva per tenere il posto in caldo. Nelle varie graduatorie delle Asl del Triveneto, da quella di Treviso a quella di Belluno a quella di Padova, io non potevo non essere il primo. Potevo teoricamente essere il secondo, il terzo, il quarto, il quinto. Sta di fatto che poi, andando a vedere le graduatorie, quelli che risultavano prima di me erano già occupati preso altre Asl. Come me presentavano domanda, me poi legalmente erano già impegnati presso altre Asl, quindi in pratica non potevano acquisire il posto. Io ho peregrinato per varie ASL del Triveneto. Mi è sempre stato fatto capire che ero persona sgradita. In alcuni casi in modo soft. In altri casi in modo molto aggressivo, molto pesante, molto mafioso, per esempio tramite minacce telefoniche. In alcune ASL, come quella di Belluno, non sono mai riuscito ad entrare, perché ti ponevano dei paletti assurdi del tipo “guardi, le ore carenti sono come prima visita alle sei del mattino”. E’ evidente che erano assurdità. Un ospedale non inizia mai le visite alle sei del mattino. E comunque io non avrei certo potuto essere lì a quell’ora, con una madre con l’Alzheimer e una moglie col diabete grave e cardiopatica da assistere giornalmente. in alcuni casi, quindi, come quello della ASL di Belluno, non sono mai riuscito ad entrare. In altri ospedali, invece, riuscivo ad iniziare a lavorare, ma poi cominciavano provvedimenti disciplinari, anche questi totalmente fantascientifici, con i quali, in un modo o nell’altro, riuscivano ad allontanarmi da quella struttura. L’allontanamento impediva la riassunzione immediata alla scadenza del contratto. I loro fasulli provvedimenti disciplinari venivano poi archiviati, ma intanto avevano fatto il loro danno; perché il servizio verso le varie Asl era interrotto. Dopo che lavori in un posto per un certo periodo, diventi definitivamente di ruolo. L’ultima possibilità l’avevo fino al compimento dei 50 anni di eta’ . Poi sarebbero scaduti definitivamente i termini per diventare di ruolo.Ovviamente nelle Asl che mi avevano buttato fuori io non ci pensavo proprio a rifare la domanda. L’ultima chance che mi rimaneva era relativa un bando di soccorso uscito nell’Asl di Pieve di Soligo, che raggruppa Conegliano e Vittorio Veneto. In questo bando erano raggruppati tre bandi. Ti faccio un inquadramento di base delle tipologie di istituto medico. All’interno di una ASL ci sono gli ospedali, i pronto soccorso, e i distretti. I distretti –una novità di questi ultimi 15 anni- non sono altro che delle strutture de localizzate come delle case, dei condomini, in cui ci sono 1 o più specialità e in cui si fanno solo visite specialistiche, ma non c’è attività chirurgica. Quasi sempre sono posti squallidi e vetusti. Mentre in ospedale rinnovano sempre di più, investono in tecnologia sempre migliore, le strumentazioni desuete vanno a finire lì. I distretti sono i posti squallidi dove tu, per definizione, fai male la professione, dove hai pochi mezzi, una assistenza infermieristica del tutto velleitaria e corri molti più rischi professionali. Ritornando al bando presso le Asl Pieve di Soligo, ricomprendeva sostanzialmente tre bandi interni.C’erano le ore presso l’ospedale di Conegliano, dentro il reparto oculistico, ovvero con la migliore strumentazione, e a contatto dei colleghi; che era la cosa a cui tenevo di più. C’erano delle ore presso il distretto di Vittorio Veneto, e delle ore presso l’ambulatorio interno dell’ospedale di Vittorio Veneto. Io accettai tutte e queste tre tipologie di ore. C’era anche un quarto bando interno, delle ore presso il distretto di Conegliano. Si trattava di una struttura fatiscente, con un direttore locale che mi era stato dipinto come una viscida canaglia. Questa quarta possibilità la esclusi subito. Fui regolarmente preso –era il dicembre del 2004- e cominciai il periodo di prova. In quei primi giorni venni contattato dalla segretaria del dott. Benazzi -che poi ho saputo essere il presidente, guarda caso, della commissione di disciplina- che mi disse che il direttore avrebbe avuto piacere di conoscermi e salutarmi. Anche se non era mio dovere accondiscendere alla richiesta, diedi comunque la mia disponibilità e lei mi disse di andare il tal giorno, alla tal ora, presso l’ospedale di Conegliano. Il giorno che era stato concordato, quando arrivai all’ospedale di Conegliano e chiesi al portinaio dov’era l’ufficio del direttore sanitario, lui mi rispose “no no.. guardi che l’aspettano nella sala convegni, nella sala anfiteatro..”. Io sono rimasto a bocca aperta e cominciai a subodorare qualcosa. Arrivato nella sala convegni trovo una quindicina di persone che non conoscevo, e che poi ho scoperto essere tutti i dirigenti dei vari settori delle ASL. Mi sembrava di essere al banco degli imputati, con io seduto, e poi di fronte i giudici.

-Tipo tribunale del popolo..

E’ una immagine che rende. Una volta arrivato, hanno cominciato a farmi domande del tipo

“noi sappiamo che lei ha fatto domanda per venire qui”, “veramente non ho fatto domanda, ho già vinto i bandi di concorso”, “si certo.. l’ha fatta anche presso il reparto oculistico dell’ospedale..”, “sono tanti anni che non faccio più l’ospedaliero, mi piacerebbe MOLTO rientrare nella vicinanza dei colleghi, avere strumentazione, avere un certo ambiente e potere finalmente riprendere a lavorare con una certa dignità.“Lo sa che nel reparto c’è molta confusione, bisogna lavorare anche di sabato, anche di sabato pomeriggio”. Tutte stupidaggini naturalmente, tutto volto a disincentivarmi. Ma non ci pensavo a demordere, “sì, io ho bisogno di lavorare, scadono pure gli anni, per cui il prossimo anno io non potrò più presentare domanda, perdo anche definitivamente il lavoro, per cui sono disposto a collaborare in qualsiasi maniera, quindi non c’è problema”. “Lei sa che deve venire molto presto il mattino, perché l’ospedale si inizia molto presto, si inizia verso le 7”.“non c’è nessun problema, sono anni che mi alzo alle cinque”. “Ma lei sa..” insomma mi sciorinavano tutta una serie di paletti, espressi gentilmente, ma in modo molto netto.. e poi “Lei è disposto a collaborare?”. “Vi ripeto di sì, è solo mio interesse accettare questa cosa”. “Ma perché lei non ha accettato le ore nel distretto di Conegliano?”. “Lavorare in un distretto con due strumenti è una cosa, lavorare in ospedale è ben altra. E’ come andare a lavorare in albergo a cinque stelle o andare a lavorare in una pensioncina a una stella”. Si resero a un certo punto conto che non erano riusciti a farmi desistere e ci salutammo.

-Ma tutti quelli che erano lì presenti, perché c’erano? Alcuni non ti conoscevano proprio..

Tutte quelle persone si conoscono tra di loro, si appoggiano a vicenda. La carriera che hanno fatto è l’opposto della carriera che ho fatto io. E il fatto che tutte queste persone in questo tribunale del popolo, come lo hai chiamato tu, si siano ritrovate lì, è emblematico. Il solo fatto che si siano ritrovate d’accordo nel trovasi lì, per “ricevere” una persona come, che ero l’ultimo tra i reietti. Nei miei anni di lavoro precedenti solo una volta mi è capitato che un Direttore Sanitario mi telefonasse per augurarmi buon lavoro; se no tu non hai mai a che fare con questi personaggi. Il fatto di trovarmi quelle persone là quel giorno, significava che già si sapeva come sarebbe andata a finire. L’alternativa che avevo era che il giorno dopo avessi detto “signori, ci ho pensato, ho paura, non voglio finire sotto processo anche questa volta o che vi inventiate qualcos’altro come è successo in tutte le altre ASL, per cui rimango disoccupato a vita, do le dimissioni volontarie, e da domani me ne sto a casa a guardare il soffitto”. Questo non lo avrei mai potuto fare e per mio carattere non lo avrei mai fatto.
E ho continuato ad andare avanti, cercando sempre di fare di tutto per stare attentissimo, sapendo di avere una pistola puntata alla tempia, e un coltello alla gola, di non fare errori, né burocratici, né amministrativi, né professionali. E in qualunque Asl ho lavorato ci sono sempre stati una marea di pazienti che venivano da me, e che mi erano riconoscenti. Comunque, due giorni dopo quel “tribunale del popolo” presi servizio nell’ambulatorio oculistico dell’ospedale di Vittorio Veneto. Questo stesso giorno viene un ragazzotto, sui trent’anni, dirigente sanitario, che mi porta una raccomandata a mano e mi dice “per favore me la firmi”.“Che vuol dire?”.“Ah guardi, per motivi di servizio, lei purtroppo non potrà prendere servizio in ospedale, nel reparto oculistico dell’ospedale di Conegliano, ma prenderà servizio presso il distretto di Conegliano”.Insomma proprio in quel posto in cui io avevo sempre detto di non volere andare. Naturalmente è stato un atto illegale e irrituale, un falso ideologico gravissimo.. Ma io sono stato zitto, non volevo subito avere problemi e poi c’era scritto “temporaneamente”. In realtà non mi fu mai permesso di andare nel reparto oculistico. Andai allora in questo famigerato distretto. Dopo avere fatto il primo giorno di ambulatorio, quello stesso giorno, una volta tornato a casa, mi giunge una e-mail del dirigente che sostanzialmente diceva che avevano controllato le mie cartelle cliniche ed emergevano gravi irregolarità. In pratica, nemmeno mezz’ora dopo che mi ero messo in strada per tornare a Padova, si erano preso la briga di mettersi a controllare le cartelle cliniche dei pazienti che avevo visitato, e avevano rilevato che non erano conformi alla prassi standard di come si compila una cartella clinica. Cosa assolutamente impossibile, anche perché sapevo avere una pistola puntata alla tempia, e un coltello alla nuca pronto a trafiggermi; e quindi non tralasciavo nulla. Quando la settimana successiva sono tornato, mi sono fatto tirare fuori dalla segretaria tutto il materiale, e non è emerso assolutamente nulla di strano. Anzi erano molto più precise di quelle fatte dai colleghi. Tant’è che ho mandato, al dirigente, una e-mail piccata in cui gli dimostravo tutto questo e gli aggiungevo che se si voleva inventare qualcos’altro lo avesse fatto in maniera formale, che gli avrei risposto in maniera legale. Non seguirono altre contestazioni.
Nel luglio del 2004, mentre tornavo dal servizio ero stato fermato dalla polizia stradale perché avevo superato in centro una nonnina con una 500 vecchia che andava a 20 all’ora. Feci un ricorso contro la multa, che avrei vinto il gennaio dopo, ma intanto la polizia municipale di Padova giorni dopo mi avrebbe chiamato per dirmi che mi erano stati tolti 12 punti e che mi avrebbero sospeso la patente per un mese.Come hai già capito, ho telefonato immediatamente a tutti i distretti, a tutti i direttori, ho inviato fax, ho inviato raccomandate con ricevute di ritorno dicendo che non avevo alcun mezzo (neanche sommando treno più corriera, ecc.) per continuare ad andare in servizio con gli orari che loro mi davano. E che, o mi cambiavano giornate, orari e anche posti, o altrimenti mi dovevo trasferire ad abitare in un altro posto. , cosa che per motivi di assistenza di mia madre e per motivi di trovarmi un albergo, ecc. era impossibile. Da parte loro è giunta una diffida in cui mi si diceva solamente che io dovevo rientrare in servizio, senza entrare per niente nel merito di nulla. Io feci presente quali erano i termini contrattuali, che non era mio interesse perdere un mese di servizio, un mese di stipendio (il mio contratto prevedeva che ci si poteva assentare per motivi giustificati, ma veniva sospeso lo stipendio). Per farla breve, senza dire altro, senza attendere le mie controdeduzioni, mi hanno fatto una contestazione di addebito che hanno firmato e sottoscritto tutti, il giorno 2 gennaio del 2004.
La firma della contestazione di addebito risultava essere fatta da dieci persone, e ho scoperto che quel giorno mancavano cinque persone delle dieci che avevano firmato. Un altro grossolano falso ideologico e materiale.In pratica, con questo gesto, loro hanno determinato che, una volta finiti i mesi che ancora mi mancavano per finire di lavorare, io non avrei potuto riprendere servizio per altri sei mesi. In questo modo mi hanno fatto fuori, perché avevo superato i cinquantanni, non avrei più potuto diventare di ruolo (e quindi la certezza di un lavoro fisso )Io comunque –dopo un mese di assenza- sono tornato e ho continuato il servizio facendo finta di niente.
Il primo maggio 2005 sono finite le ore di quel bando. Io ho scritto loro per chiedere che intenzioni avessero, se c’era qualche possibilità di continuare in una qualche maniera; e naturalmente nessuno mi ha fato pervenire alcuna risposta. Ovviamente, quando telefonavo, si facevano negare. Mi sono ritrovato quindi a rimanere a casa.A settembre di quell’anno mi arriva una telefonata dai carabinieri di Vittorio Veneto che mi comunicano che c’era una denuncia contro di me da parte di una paziente e che andassi lì. Una volta arrivato lì, seppi che una paziente mi aveva contestato il fatto che le avrei palpato il seno in una visita. Sono andato lì e mi è stato contestato che una paziente mi avrebbe denunciato per il fatto che io le avrei palpato il seno in una visita avvenuta nel luglio 2004, quasi un anno prima. Una delle contestazioni che, da subito, ho fatto a questa accusa che mi veniva fatta, è che nessuno aveva preventivamente avviato un procedimento disciplinare. Io ho avuto svariati procedimenti disciplinari per sciocchezze immani, e per una cosa così grave non mi sarebbe stato fatto? Un ente che sa che tu hai fatto un atto di quel genere, ti lascia per un altro anno a continuare a visitare altre migliaia di pazienti???E poi ho fatto presente è che il nostro contratto prevedevano che qualora la direzione sanitaria avesse avuto o notizia di fatti poco ortodossi, perseguibili civilmente e penalmente avrebbero potuto comportamenti poco ortodossi, o cose perseguibili civilmente o penalmente, o che comunque danneggiano l’immagine dell’ASL, sono obbligati tempestivamente –così recita testualmente il codice- ad istruire una pratica e darne entro dieci giorni comunicazione all’interessato, per avere entro venti giorni le sue controdeduzioni, per poi istruir a pratica che deve essere conclusa tassativamente entro sessanta giorni da quando si è avuta notizia del reato. Ma qui non è stato fatto assolutamente nulla. Non avendomi fatto il procedimento disciplinare, mi hanno impedito di difendermi, impedendomi di procurarmi qualsiasi cosa a mia difesa, documentazioni, testimonianze, ecc. Innanzitutto era passato più di un anno da quando gli eventi contestatimi sarebbero accaduti, e poi io ero ormai fuori dal contesto di lavoro, e questo rendeva per me impossibile tentare di procurarmi quel materiale che sarebbe servito a mia difesa.Ma tutto ciò che io ho detto per fare vedere le scorrettezze commesse anche in questo caso, non è servito a niente. Il procedimento è andato avanti, c’è stato il processo, la mia parola contro la parola di questa donna, che è stata presa per buona e sono stato condannato.

-Il trappolone finale..

Alfredo, sono 22 anni che vogliono che la faccia finita, che mi suicidi. Tutte queste persone, queste lobby, ci hanno messo 22 anni per mandarmi in galera. Alla fine non so se ha finto Davide o Golia. Ma posso dire che ho vinto io. Ho perso tutto se vuoi, ma ho vinto io. Perché solo contro tutti ho resistito. Devo dirti che queste sono persone anche incapaci, grossolane. Alla fine lo hanno fatto con la cosa più infamante, la cosa che adesso va più di moda, la violenza sessuale. Questa è l’unica cosa che hanno architettato bene. Qui siamo al massimo della collusione. Perché già privare uno della salute e del lavoro ripetutamente è una cosa immane e infame, ma quando tu arrivi al punto di riuscire a mandarlo in carcere, il livello di coinvolgimento diventa ancora più esteso, e comprende testimoni, e probabilmente anche giudici.Resta il fatto che ci hanno dovuto mettere 22 anni per mandarmi in galera. Ci hanno messo 22 anni ma non mi hanno piegato. Sono ancora me stesso, e sono più determinato di prima. Non l’hanno avuta vinta. Certo che sorrido quando mi dicono che siamo in democrazia. Continuano a dirci che siamo in democrazia. Questa “democrazia” ha voluto che io patissi le pene dell’inferno per 22 anni, perdessi tutto e finissi infine in carcere. Se fossi vissuto in un’altra epoca o in un altro territorio, in un regime non democratico, mi avrebbero semplicemente fatto fuori subito. In uno stato democratico sono più “buoni”, non ti fanno fuori subito, esiste la tortura civile perpetua. Ma se mi avessero ammazzato direttamente tanti anni fa, mi avrebbero fatto un piacere. Non avrei sofferto così tanto per così tanti anni.

-Le persone difficilmente potrebbero credere possibile 22 anni di persecuzione…

Come ti dicevo prima, credo di esserci stato solo io ad essere stato così pazzo da perseverare in tutti questi anni, senza scappare, senza ammazzarsi, senza ammazzare qualcuno , e continuare scrivere a tutti, a denunciare tutti, a tempestarli di atti formali. Qualunque persona con un minimo di timore, con qualcosa da perdere, si sarebbe fermata molto molto prima. L’accanimento che hanno avuto con me, piuttosto che impaurirmi, mi faceva incazzare sempre di più. E ci fosse stata una cosa vera, in tutte le accuse, in tutti i colpi bassi, in tutto il fango che ho subito in questi anni.. ci fosse stata una sola cosa vera. Sai quanti esami di coscienza mi sono fatto in questi anni “ma io effettivamente ho fatto questo, ho fatto quello, posso avere dato adito ecc.?”. E in coscienza mi sono sempre risposto “no, non ho fatto nulla di tutto ciò”. Sai quanto male ti fa vedere che subisci l’indescrivibile e non hai mai fatto nulla di male? Sai che significa? Tutto questo mi ha dato una forza, una cattiveria, che non mi ha fatto mai desistere.

-Ritorniamo al processo..

Nel corso del processo il pm chiese 5 anni non per “molestie sessuali”, ma addirittura per “violenze sessuali”, perché io l’avrei costretta. Come a significare che un palpeggiamento sia uguale ad uno stupro collettivo……..Il tribunale ha ridotto la pena richiesta, condannandomi a due anni e sei mesi. Sua sponte, questo procuratore ha instaurato un secondo procedimento perché io avevo subito denunciato per diffamazione quella donna; e il procuratore instaurò un secondo procedimento in cui ero io accusato di calunnia verso questa donna. Ma tu sai che, in Italia, finché non c’è stato il terzo grado, tu sei innocente. Mi fanno un altro processo, e vengo condannato ad ulteriori 5 anni. Nel processo di Appello a Venezia il giudice ha riconosciuto –scrivendolo nelle motivazioni-“ l’errore materiale dei giudici del tribunale di Treviso” e ha ridotto la pena da 7 anni e mezzo a un cumulativo totale di 3 anni, 10 mesi 20 giorni. I due anni e sei mesi per cui sono stato mandato dentro erano inferiori ai 3 anni entro i quali vengono concessi i servizi sociali. Il Presidente del Tribunale di Sorveglianza non è entrato nel merito. Ha semplicemente scritto “non si entra nel merito, risultando il termine temporale incapiente”.

-A quel punto finisti in carcere..

Sì.. con un’altra illegalità infinita. Con una condanna di 2,6 anni io avevo tutte le carte per essere assegnato ai servizi sociali. Perché ciò avvenga la condanna non deve essere superiore ai 3 anni. Ma in quello stesso periodo intervenne il decreto svuota carceri –entrato in vigore il 24 dicembre- che ha elevato il limite temporale a 4 anni, quindi ci rientravo a maggior ragione in quel limite. Non esistevano dubbi sul fatto che dovessi essere affidato ai servizi sociali. Avevo già l’associazione di volontariato in cui sarei andato ad operare, associazione che aveva inviato due pagine nelle quali garantiva per me.
E inoltre avevo la mia situazione famigliare particolarmente problematica, dovendo occuparmi di mia moglie, invalida civile al 65%, portatrice di handicap, cardiopatica, diabetica, insulino dipendente, con un glaucoma, con il morbo di Cron. Si tratta di una persona estremamente fragile. Una persona che ha necessità di essere accompagnata al lavoro, e ci vuole qualcuno che si occupi delle incombenze di casa, e quel qualcuno sono sempre stato io. Noi abitiamo in aperta campagna, a distanza di 6km dal primo autobus, non ci possiamo permettere nessun aiuto privato, l’assistenza domiciliare non e’ prevista nel suo caso, non abbiamo nessun parente disponibile. Io chiesi semplicemente che mi mandassero a fare volontariato, da qualsiasi parte, ecc., purché potessi assistere a mia moglie la notte, dalle 8 di sera alle 8 del mattino.
A questo aggiungi che neanche io sto bene in salute. Nel senso che sono invalido certificato dall’inail, ho praticamente un occhio solo, ho grossi problemi artosici seguenti agli interventi e 5 ernie discali no operabili, ho cominciato a prendere psicofarmaci per cercare di resistere a questa situazione di stress pazzesco a cui mi hanno costretto per venti anni, ho problemi intestinali, ho un problema prostatico molto importante, sono iperteso, ho avuto una ischemia cardiaca e ripetute crisi ipertensive –causate dallo stress- e, , non dimenticarlo, buona parte della notte la passo sveglio per accudire mia moglie. Tu giudice se sai vedere l’evidente, capisci, tra le altre cose, che, in una situazione come la mia, non concedendo i servizi sociali , condanni a morte due persone. Ma il giudice disse che il termine era ” incapiente”. Un escamotage per “non entrare nel merito”. Cioè non aprire nemmeno il fascicolo e tutta la documentazione medica. Lui se aveva dei dubbi, avrebbe dovuto discutere la cosa con tutti gli specialisti, entrare nel merito e solo allora dire “non te li concedo”. Ma, entrando nel merito, non avrebbe, appunto, potuto dire “non te li concedo”. Quindi decise di “non entrare nel merito” e mi fece andare in galera, compiendo un vero falso ideologico.Sono stato in galera 25 giorni. Finché, il 7 gennaio il mio avvocato, tornato dalle vacanze e dopo essere stato nuovamente pagato da mia moglie, ha mandato un semplicissimo fax al Presidente del Tribunale di Sorveglianza di Venezia dicendo “guardi che i conti non tornano, lui è dentro per due anni e sei mesi, era inferiore già prima ai termini, a maggior ragione adesso che è stato emanato il decreto svuota carceri. Essendoci un rischio di morte sia per il soggetto che per la moglie, scarceratelo immediatamente”. Il giorno il magistrato. dopo ha ammesso l’errore materiale, e ha emanato l’ordine di scarcerazione. Ancora adesso è ancora pendente in cassazione quella porzione di pena che porterebbe la condanna da 2,6 anni a 3,10 mesi.

-Raccontami dell’impatto col carcere.

Una sera sono venuti a prendermi all’ora di cena, con la disperazione di mia moglie. Io invece ero del tutto tranquillo, e mi hanno sbattuto in carcere. Due giorni dopo sul Mattino di Padova c’era scritto che “il violentatore manomorta” era stato prelevato a casa dai carabinieri, comandati dal tal maresciallo, che erano entrati in casa, alle otto di sera, con la moglie presente. Scrissero anche falsità assolute come il fatto che inizialmente mi sarei alterato, quando in realtà ero calmissimo, perché mi aspettavo che sarebbe accaduto. Da giorni avevo la valigia pronta accanto all’uscio di casa. Era mia moglie che era disperata. A Padova ci sono due carceri, tra di loro distanti 500 metri, e con direttori, strutture e prassi burocratiche diversissime . Un carcere circondariale e un carcere per definitivi, Due Palazzi. Io inizialmente fui portato al circondariale e ci restai per una settimana, prima di essere trasferito al Due Palazzi. Secondo la legge loro dovrebbero dare un foglio ad ogni recluso, in cui sono scritti i diritti e i doveri del recluso.; si tratta di u banalissimo ciclostile, di due facciate. Ovviamente nessuno né ti dà nulla né di dice nulla. A me mi hanno sbattuto in una cella con le finestre aperte, dopo avermi “perquisito” nudo come un verme.

-La perquisizione iniziale? Completamente nudo?

Sì. E non parlo di mettere le mani nel sedere per vedere se hai dell’eroina o del guardarmi in bocca, che sono cose che possono ancora avere un senso. Io parlo cose assolutamente inutili –anzi da pervertiti. Mi hanno obbligato spogliarmi nudo e a stare per terra, senza nemmeno un tappeto, con la finestra aperta. E poi è iniziata la pantomima. Ovvero farti fare le flessioni, allargare le braccia, guardare in altro, a destra e a sinistra, sorridere, chiudere la bocca, storcere la bocca a destra, storcere la bocca a sinistra, fare versi da imbecille. Quindi mi sbattono in cella. A 57 anni, mi sbattono in una cella con le finestre aperte, con dentro solo una coperta su una branda. Il giorno dopo mi mandano in una cella con un tossicodipendente in crisi di astinenza. Un’altra situazione molto ricercata. Pensa, un tossicodipendente, in crisi di astinenza, a cui danno un po’ di metadone, ma poco. Una persona in uno stato di agitazione, di assoluta mancanza di aderenza alla realtà, e che può avere qualsiasi reazione con uno che gli entra in camera. Naturalmente assistenti sociali non ne ho quasi visti mai in quei giorni. Mia moglie me l’hanno fatta vedere solo dieci giorni. E la prima telefonata, che è un diritto per il detenuto, me l’hanno fatta fare il giorno prima che uscissi dal carcere, dopo 24 giorni di detenzione.
Dopo una settimana, come ti dicevo, mi hanno trasferito tra i definitivi, nel Due Palazzi, dove mi hanno messo in cella con due persone che, fin dalla prima volta che ci siamo conosciuti, mi hanno trattato con una delicatezza, con una umanità, un rispetto, che non avevo mai ricevuto nel mio ambiente medico e di persone “per bene” in tanti anni. Con una pazienza estrema mi hanno insegnato a non fare errori, mi hanno detto cosa dovevo fare per ambientarmi meglio, hanno sopportato la mia ingombrante presenza da imbranato. Mi hanno dato tantissimo.. Se non fosse stato per loro, non sarei sopravvissuto che per qualche giorno; mi sarei ammazzato, non ce l’avrei fatta. Pregherò per loro e cercherò di aiutarli come posso finché campo. Piano piano sono stato accettato da tutti. Sono stato trattato bene da tutti i detenuti. Non ho avuto uno sgarbo, una spinta, una offesa da nessuno. .Nonostante una vita delinquenziale alle spalle di omicidi e di altro, ho visto nei detenuti il rispetto per gli altri, per la proprietà degli altri, per i diritti degli altri, per il sonno degli altri, per il riposo degli altri. Attenzioni che se ci fossero ancora nella società, sarebbe una società ancora vivibile. C’era il bussare alla porta e dire “permesso posso entrare?”. C’era il “mi presti un attimo.. hai la penna che devo scrivere?..”, “Il bussare per andare in bagno”. Ti farei migliaia di questi esempi. Il massimo sgarbo che può esserci là dentro è quello del non considerarti, del non vederti, del non venirti a salutare e a stringerti la mano.
Questo è esattamente l’opposto a quella che è il trattamento che le guardie carcerarie e l’amministrazione riservavano non solo a me, ma a tutti. Io in 25 giorni non ho mai visto un carcerato su centinaia trattare se non con estrema educazione una guardia. Mentre ho visto spessissimo le guardie trattare come merde senza nessuna ragione i detenuti. Ti racconto un episodio. Una volta mi hanno detto “tu vai giù”. Sono giù da solo, passa una guardia dopo un quarto d’ora che sono lì e questo mi guarda, ci avevo gli occhiali spessi come due fondi di bottiglia perché sono molto miope, non dico niente, sono lì sull’attenti, perché non c’era una sedia (e non ti siedi per terra, perché è antigienico e non te lo fanno fare). Passa uno e mi dice “ma tu che fai? Che cazzo ti guardi con quella faccia di merda che hai? Ma vattene a fanculo”.In carcere non ti avvisano di nulla, non ti fanno capire niente. E’ tutto un tuo sforzo quello di cercare di carpire informazioni. C’ è la netta volontà di castrare il più possibile i carcerati, e comunque di complicargli la vita in ogni modo.
Ce ne sarebbero di cose da dire. Come l’assurdità per la quale ti chiamano per una cosa che in sé e per sé durerebbe meno di mezzora, ma tu torni in cella dopo 7 ore, rigorosamente in piedi e al freddo. Ad esempio ti mandano ai pacchi, e tu finchè passi le varie stazioni di intermedie di stazionamento, a volte devi stare lì fermo, come un fesso, per ore. E nessuno ti dice niente, nessuno ti dice “guardi, deve aspettare, ecc.”. Semplicemente ti fanno aspettare per ore. Ti racconto un’altra cosa che mi hanno fatto. Quando sono entrato in carcere, avevo con la documentazione medica completa e l’ho lasciata a loro per il fascicolo. Mi ero portato l’equivalente di due mesi delle medicine che dovevo prendere; colluttorio, antibiotici, ecc. Bene. Mi hanno sequestrato tutto, le hanno lasciate in valigia, e le ho avute venti giorni dopo. Io non ho potuto continuare la terapia per quei venti giorni. Ma sai perché alla fine me li hanno ridati? Perché non potevano prendermeli. Perché non c’era nulla di illegittimo, di pericoloso. Hanno fatto questo ulteriore abuso e con me lo hanno fatto con altre persone. Io ho dovuto pregare perché mi lasciassero lo spazzolino da denti e il dentifricio che loro stessi vendono.
-Molti, di fronte alle cose che stai dicendo sul mal funzionamento carcerario, direbbero che c’è il problema del sovraffollamento, che le risorse sono poche, che guardie e operatori sono sottorganico..

Sono cose che non c’entrano nulla. Gettano fumo negli occhi. Quello che io ti dico non ha nulla a che vedere col sovraffollamento, e non ha niente a che vedere con le poche risorse. Questi sono gli ultimi dei problemi. Tu dirai che 25 giorni sono pochi, ma in 25 giorni ho visto centinaia di situazioni e centinaia di detenuti e ho sentito altrettante storie. Non solo non si è sottorganico, ma le persone sono anche più di quanto sarebbe necessario. Le guardie? Tu in carcere vedi sempre scene tipo tre guardie che stanno nello stanzino a guardare il televisore. Persone che non fanno nulla, oltre chiamare tre o quattro volte qualcuno per andare dal medico o andare al tal ufficio. Funzionari? Se tu vai all’ufficio matricola vedi girare 3- 4 appuntati, amministrativi, ecc., che vanno lì, stampano una cosa, poi si alzano, vanno alla macchinetta del caffè. E tu aspetti delle ore. Perché c’è uno che lavora e otto che cazzeggiano. Con le persone che ho visto io ci potrebbe essere un servizio a cinque stelle. Chiami le persone a visita, chiami le persone giù, le fai aspettare mezzora, un’ora, dei tempi umani. Perché di medici, guardie carcerarie, amministrativi, ci sono a iosa.- Parliamo di guardie carcerarie. Se ne stanno tranquilli l’un l’altro. Si rimpallano le cose l’un l’altro.. “collega, prenditi in carico questo”, “collega prenditi in carico quest’altro”. Sono cose che si potrebbero fare dieci volte più velocemente; e basterebbe mettere una persona al posto di cinque. Ti dirò che io di sotto organico non ho visto nulla. A mio avviso l’organico è ampiamente sufficiente.
E andiamo all’aspetto medico. Tutti sanno che in carcere il sistema medico è tremendo. Che vieni visitato poco e malissimo. Anche qui tutti pensano (e a tutti fanno credere) che è il problema è l’essere sottorganico, le poche risorse. Posso dirti che a Padova solo di medici generici io ne ho contati una decina. E poi ci sono gli specialisti su chiamata.. Ora tu devi pensare che i medici di base di media hanno 1000, 1200, 1300 mutuati. Bene, nell’ospedale di Padova ci sono circa 800 detenuti. Meno dei mutuati di un solo medico di base, e là ci lavorano in totale almeno ventina di medici. Ci sarebbe il personale per garantire un servizio ottimo. E allora perché è un servizio indegno? Per tutta una serie di meccanismi folli. Esempio, tu hai mal di denti, ti viene una colica renale, ecc. e ti serve il medico. C’è il medico, no? No, non c’è.. perché tu devi dirlo all’infermiera, e devi chiamarla, ma non viene. Perché tu devi chiamare la guardia che è lì nel suo gabbiotto, a venti metri, che sta guardando la televisione, che o non ti risponde, o ti risponde di non rompere i coglioni, o ti dice “sì..sì.. più tardi.. che ora ho da fare..”. E tu ti tieni il tuo mal di denti, tu ti tieni la tua colica renale, ti tieni il tuo attacco epilettico. E se ne riparla, se ti va bene il giorno dopo. In cui viene uno stronzo –che definire medico è troppo- che manco ti visita.. ovvero non ti dice di spogliarti, non ti fa domande accurate, niente.. ti fai due rapidissime domande, ti dice “sì sì”, ti prescrive qualcosa che dopo demanderà l’infermiera e scappa via. Ma quel qualcosa, lo riceverai subito? No, bisogna aspettare il turno dell’infermiera che viene in corridoio per dare le terapie alle 7 di mattina o alle 7 di sera. Oppure quando ti chiamano sotto per una visita. Bene, per una insulsa “visita” (di solito il medico sta seduto e ti visita guardandoti storto dalla sedia) di dieci minuti, tu potrai metterci sette ore finché non ritornerai in CELLA. E qui, come ti ho detto la carenza delle risorse non c’entra niente. Si potrebbe, se ci fosse la buona volontà, e senza spendere un euro, garantire a tutti i detenuti un servizio medico degno.

-Perché accade tutto questo secondo te.

Ma non si vogliono fare funzionare le cose. E’ un misto di ottusità burocratica, totale mancanza di attenzione e di impegno e di volontà, da parte del sistema, di ledere il corpo e la psiche dei detenuti. L’obbligo della detenzione è una cosa, che comporta la restrizione della libertà e il tuo stare per un tot tempo in una determinata struttura. Ma altra cosa è la tortura, l’umiliazione, l’essere trattati peggio di una bestia. Il carcere attualmente è un sistema “criminale”, non per i detenuti, ma per il suo sistema di funzionamento. Da nessuna parte è scritto che un detenuto deve essere violentato nella psiche e nel fisico. Le persone sono lasciate a se stesse. Anzi, è ancora peggio. Se uno non va fuori di testa oggi, ci va fuori oggi dopo qualche giorno. – Ho visto solo che c’è la volontà di non fare un tubo, di lasciare queste persone alla mercé di se stesse. Anzi, credo sia ancora peggio. C’è una volontà di farle soffrire nel fisico e nella psiche, di farli uscire peggio di come sono entrati. E così anche una persona tranquilla ed equilibrata, uscirà fuori incazzata come un sistema e lo Stato si sarà guadagnato un nuovo nemico.

-Torniamo alla tua scarcerazione..

Come ti dicevo, dopo che il mio avvocato ha inviato quel fax al giudice, e il giudice che mi aveva fatto fare 25 giorni di carcerazione, si è degnato di riconoscere il suo errore materiale, sono uscito.. e dopo un po’ mi hanno inviato anche il “conto”, il conto delle spese che lo Stato ha sostenuto per me per “mantenermi in carcere”.

-Tu hai diritto al risarcimento perché la tua carcerazione era ingiusta…

Se io dovessi avere il risarcimento per tutto quello che mi hanno fatto in questi anni, per tutti questi anni di mobbing estremo ora sarei plurimiliardario. Su di me pende adesso il giudizio in Cassazione che si svolgerà i primi di giugno. Inoltre ho saputo che il 17 settembre ci sarà l’udienza presso il tribunale di sorveglianza per decidere il mio affidamento ai servizi sociali o meno. Andando a queste due prossime scadenze, voglio vedere che cosa succede adesso. I casi sono due:-Caso logico-evidente: io sono perfettamente dentro i termini, ho tutte le motivazioni di legge, vi è l’assistenza che devo fare a mia moglie, vi è la mia condizione sanitaria, ecc., per essere affidato ai servizi sociali.-Caso folle-malefico: troveranno un qualche escamatoge per farmi fare comunque la galera, per farmi entrare in galere e poi tenermi dentro, magari non facendomi la famosa “sintesi”; quella in cui si dice che il detenuto si comporta in un certo modo e che si è “ravveduto”. Io non mi ravvederò mai di quello che non ho fatto. Finirà mi faranno morire là. Sono ben conosciuti questi esempi: li chiamano ergastoli bianchi. . La preoccupazione grande è per mia moglie. Per mia moglie già venire fino a Padova è stato tremendo. Se capita una seconda volta mia moglie è morta. E se succede qualcosa a lei io mi uccido. Sono vent’anni e più che vivo per lei. Ho vissuto per gli altri, ho vissuto per mia mamma, ho vissuto di volontariato che ho fatto per 33 anni. Io vivo per lei. A me dei soldi, della carriera, della bella vita.. che comunque non mi sono mai permesso nemmeno quando avrei potuto.. ho badato solo agli ideali, e ai sentimenti. Se succede una cosa del genere, se mia moglie muore, a quel punto io muoio il giorno dopo.

Qualche settimana dopo questa intervista, Pietro, in un momento di debolezza, dopo tanto accanimento e ingiustizia contro di lui, tenta il suicidio. Riporto direttamente le sue parole:

Ma da gennaio, rientrato dal carcere, ho tentato in tutti i modi ( scrivendo una accorata lettera al direttore del carcere ed al magistrato di sorveglianza, scrivendo a tutte le associazioni di volontariato che operano a vario titolo nel carcere, persino al cappellano dello stesso ) di fare volontariato , quandanche tramite terze persone.
I piu’ non mi hanno risposto, alcuni semplicemente hanno detto di no. La grande pubblicità mediatica ed il fatto che comunque io sia stato ingiustamente schedato e detenuto, mi ha reso persona invisa perfino al mondo del volontariato. Mia moglie poi –come era prevedibile- e’ crollata, e si e’ lasciata andare.Il futuro che ci aspetta e’ peggiore della morte, la fiducia nella “ giustizia” umana e’ oramai nulla.In aprile io mi sono razionalmente reso conto che oramai non riesco ad essere utile nemmeno a mia moglie, anzi le sono e saro’ sempre piu’ di peso.E razionalmente ho tentato di suicidarmi. Non e’ stato un gesto teatrale : sono qui’ che scrivo semplicemente perche’ la quantita’ enorme di farmaci che mi sono somministrato non hanno fatto effetto completo prima del rientro a casa di m ia moglie, la sera. ne e’ seguito un mese di ricovero.Cosi’ ho ancor piu’ danneggiato mia moglie e mi sento ancora piu’ in colpa.Ma alla fine del racconto credo che la colpa di questo epilogo non sia mia.

Annunci

Navigazione ad articolo singolo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: