Le Urla dal Silenzio

La speranza non può essere uccisa per sempre.

Quale sarebbe la pena giusta?

images

 

In seguito ai tristissimi fatti di cronaca di queste settimane, a Carmelo Musumeci è giunta una lettera che chiedeva:

 

Quale sarebbe la pena giusta per un uomo che ha fatto questo?

Risponde Carmelo:

Penso che in questi giorni sia difficile difendere la lotta per l’abolizione dell’ergastolo con questi brutti fatti di cronaca nera.

E a volte mi viene voglia di arrendermi davanti alla “Pena di Morte Viva” quando qualcuno del mondo dei buoni mi fa domande come questa che mi ha fatto Angelo.

Ciao Angelo,

mi chiedi quale sarebbe la cosa (la pena) giusta per un uomo che ha fatto questo (ha ucciso la moglie, la figlia di cinque anni e il figlio di venti mesi).

Non è facile rispondere alla tua domanda.

Io sono un vigliacco e ci rinuncio.

Ti farò però rispondere dal mio cuore perché lui è più coraggioso di me.

Condannerei quest’uomo alla pena più terribile e più dolorosa, lo punirei a diventare buono per tirargli fuori il senso di colpa.

Angelo, la tua domanda è difficile, molto difficile perché credo che parti dal punto di vista che la pena deve punire, deve vendicare il male commesso.

Io invece credo che la pena debba vendicare cambiando in meglio l’individuo che ha commesso il male.

Angelo, la reclusione a vita come pena è peggiore della morte stessa.

La società, la buona società, quando punisce dovrebbe preoccuparsi di farlo senza arrecare altro male, tanto non si può rimediare al male già fatto.

E non si può confondere la giustizia con la vendetta.

Angelo, credimi, la pena dell’ergastolo è semplicemente una vendetta, la vendetta dei forti e dei vivi, non certo dei morti.

E questa pena non rende migliore nè chi lo emette né chi lo subisce.

Si può scontare la propria pena in tanti modi, ma non con l’ergastolo perché non c’è reato che si possa pagare con una vita intera in carcere.

La pena per essere giusta deve pensare al futuro e non al passato, l’ergastolo invece guarda sempre indietro e mai avanti.

Angelo, la pena per essere capita, compresa e accettata, deve avere una fine, una pena che non finisce mai non può essere capita, compresa e accettata.

Credo che neppure Abele avrebbe voluto l’ergastolo per Caino perché sennò Abele sarebbe diventato peggiore di Caino.

Angelo, la pena dell’ergastolo non potrà mai essere giusta e te lo dice un criminale incallito che credeva alla vendetta.

E ora invece credo che il perdono sociale sia la pena più perfetta, più difficile, più giusta e più dolorosa per chi la concede e per chi la riceve.

Angelo, una pena come l’ergastolo non sarà mai in grado di fare giustizia perché reagendo al male con il male non si fa altro che alimentare altro male.

Un sorriso fra le sbarre.

Carmelo Musumeci

Carcere di Padova giugno 2014

www.carmelomusumeci.com

 

 

Annunci

Navigazione ad articolo singolo

Un pensiero su “Quale sarebbe la pena giusta?

  1. Alessandra lucini in ha detto:

    Come ho già detto caro Carmelo, non esiste pena giusta, perchè la pena non è giusta, sarebbe il caso di pensare a quel caso di molti anni fa e alla reazione che hanno avuto i connazionali dell’assassino di un gruppo di ragazzi. Ecco, noi abbiamo bisogno di far tacere la sete di vendetta, dovremmo cercare di capire il motivo di certi gesti, ma questo non lo facciamo mai. E non sappiamo che, domani potremmo essere noi quelli che non ragionano più e commettono atti insensati. Ci sentiamo troppo perfetti ed è questo che ci frega.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: