Le Urla dal Silenzio

La speranza non può essere uccisa per sempre.

Altre poesie di Francesco Di Dio

Araba-fenice

Inserisco oggi altre poesie di Francesco Di Dio, detenuto ad Opera.

—————————————————————————————————–

AUGURI DA UN CARCERATO

Oggi, stupenda, dolce e bella Concettina.

Questa ricorrenza voglio festeggiare in rima.

Perciò socchiudi gli occhi e immagina me al tuo cospetto

Mentre con voce tremula pronuncio incerto:

“oh soave fanciulla regalami la gioia di un semplice sorriso,

perdonami se davanti a cotanta magnifica bellezza

mi presento a mani vuote armato solo  di questa prosa rozza

ma altro non posso offrire  se non i miei versi e un virtuale bacio sul tuo viso

che, ne son certo, ora come il sole brilla radioso.

Ben altre gioie preziose ti vorrei donare,

così tante da sentire felice il riso del tuo cuore,

ma quand’anche d’oro ti potessi ricoprire

ornandoti il collo con la gemma più bella

davanti al tuo splendor di sfavillante stella

come opaco vetro diventerebbe quella.

Son sufficienti i riflessi dei tuoi capelli castani

Ad incorniciar degnamente il prezioso sfavillio dei tuoi occhi birichini.

Del loro incanto che incatena la mente,

tu forse ancora non ne eri cosciente

ma ora anima bella, lo sai bene!

Son vere armi con cui ai cuori regali pene

Il dolce baluginio del tuo sguardo rispecchia dell’animo  la generosa dote

Per cui, anima bella non stupirti se quest’uomo s’accosta a te con frasi dolci e delicate

Perché al tuo pensier la mia mente s’incatena inducendomi a riflessioni tenere e pacate

Infine ti confesso la mia grande pena, animo bello e generoso……

Nel doverti porgere gli auguri senza  che il mio bacio s’infrangia sul tuo bel viso.

—————————–

SPERANZA D’AMORE

Mia cara quando finirà questo calvario che senza pietà tormenta l’animo?

Quando finalmente stretta al mio petto potrò sussurrarti “ti amo”?

Quando potrò sentire la tua calda voce porgere una carezza ai miei pensieri più dolci?

Quando potrò assaporare la gioia dei tuoi baci?

Dimmi quando ciò sarà possibile, anima bella e adorata.

Perché io vivo nella speranza di stringerti a  me con forza disperata

E poi perché morire… ma con la gioia nel cuore di averti così tanta amata!

—————————————–

L’ARABA FENICE

Giurami che mi amerai ancora, amore mio,

Come ieri, come oggi, eternamente.

Dimmi che il tuo cuore palpita per solamente.

Promettimi che sanerai col tuo amore la ferita che hai aperto nella mia mente

Ed io, mia amata, come l’araba fenice

Risorgerò dalle mie ceneri e tornerò a volare felice e sorridente

Ma non illudermi, ti prego, con sciocche bugie per pietà del mio dolore

Perché preferisco morire….. ma con onore.

Annunci

Navigazione ad articolo singolo

2 pensieri su “Altre poesie di Francesco Di Dio

  1. Giuseppina Zito in ha detto:

    Sono bellissime è delicate come te amico, che le hai dedicato del tempo, per farle sentire ancora la tua presenza e dirle quanto l’ami .
    Credimi quando le giungeranno queste righe infuocate non dirà nulla ma dai suoi occhi vedrai spuntate due gocce che rappresentano due cuori , il tuo e il suo , non ti ha dimenticato ….
    Ciao Francesco e complimenti ….

  2. Alessandra lucini in ha detto:

    Spontaneità e bellezza viaggiano insieme tra queste righe, un amore adolescenziale che commuove, che donna fortunata colei che le riceve.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: