Le Urla dal Silenzio

La speranza non può essere uccisa per sempre.

Condizioni intollerabili nel carcere di Catanzaro

Siano

La condizione delle carceri di gran parte d’Italia è ormai da tempo intollerabile.

A quanto pare (non solo per la lettera che leggerete oggi, ma per tanti segnali giunti nei mesi, come suicidi, ecc.) Catanzaro non fa eccezione.

Quella che leggerete è una lettera di Natale Ursino, giuntaci tramite Emilio Quintieri.

Natale Ursino scrive in rappresentanza dei detenuti della media sicurezza dei detenuti del carcere di Catanzaro.

Per giorni per protesta i detenuti hanno rifiutato il vitto destinandolo ai poveri della Caritas diocesana.

A Catanzaro dovrebbero starci circa 350 persone e ce ne sono quasi il doppio, circa 600. E questa è una situazione che non dipende dalle singole carceri, ma da un sistema ormai arrivato al collasso su tutto il territorio nazionale.

Ma Salvatore Ursino dice anche altro.

Innanzitutto descrive l’apposizione di fitte reti metalliche alle finestre di tutti i reparti di Media e Alta sicurezza:

“Recentemente in questa Casa Circondariale sono state apposte alle finestre di tutti i Reparti di Media ed Alta Sicurezza delle fitte reti metalliche che impediscono di far penetrare all’interno delle nostre celle fatiscenti e sovraffollate luce ed aria naturale e che, contestualmente, arrecano gravi danni alla nostra vista. Una situazione che determina una sofferenza in più non prevista da nessuna Legge e che viene giustificata in nome dell’igiene poiché alcuni incivili compagni gettavano dalle loro finestre della spazzatura che finiva a terra costituendo ricettacolo e proliferazione per topi ed altri animali che poi invadevano anche l’Istituto ivi compreso i Reparti e le nostre camere.”

Anche un filo di luce in più fa la differenza in carcere. Nei limiti del possibile si dovrebbe ridurre in un carcere ciò che riduce il passaggio di ossigeno e di luce, non aumentarlo.

Salvatore Ursino aggiunge subito dopo:

“Purtroppo, ad oggi, nonostante l’apposizione di queste schermature metalliche la situazione è rimasta invariata perché continuano ad esserci tanti topi con i loro parassiti con grave pericolo per tutti noi, che viviamo qui già in condizioni precarie dal punto di vista igienico – sanitario, di prendere qualche brutta malattia ed infezione di cui i roditori sono portatori. Qualche giorno fa questi animali sono stati avvistati anche nella Cucina dell’Istituto ove viene preparato il vitto prima di essere distribuito ai detenuti per cui, molti di noi, non si sentono più nemmeno sicuri di poter mangiare quel poco che lo Stato ci passa.”

A quanto pare, quindi, le ulteriori restrizioni, non sembrano avere migliorato le condizioni d’igiene e i topi continuerebbero indisturbata presenza nel carcere di Siano, cucina compresa.

Successivamente Salvatore scrive:

“Infine, vorrei segnalare, che pochi giorni dopo aver intrapreso l’iniziativa di protesta, inspiegabilmente la vita detentiva è tornata al vecchio rigoroso regime custodiale ordinario mentre, da qualche mese, si era finalmente passati al regime aperto, una specie di custodia attenuata che ci permetteva di rimanere “liberi” nei nostri rispettivi Reparti al mattino dalle 9 alle 11,30 e poi nel pomeriggio dalle 13,00 alle 15,30 e dalle 16,00 alle 17,30. Non riusciamo a comprendere il motivo di questo ritorno al passato specie in questo momento che il Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria ha proposto in tutti gli Istituti di Pena la cosiddetta “vigilanza dinamica” che prevede appunto il regime aperto per i detenuti che non sono classificati come pericolosi. Ci auguriamo che ciò non sia dovuto come ritorsione per le iniziative di protesta che abbiamo messo in atto e che, ci tengo a sottolineare, si sono svolte regolarmente senza creare alcun problema per l’ordine e la sicurezza dell’Istituto.”

Ce lo auguriamo anche noi.

Un’autentica visione di apertura e rinnovamento va avanti fino in fondo,senza costanti retromarce e senza subordinare i processi –messi in atto- di apertura, a “rappresaglie” verso situazioni di legittima e sacrosanta protesta. 

Una sperimentazione di “apertura” come le celle parzialmente aperte –in reparto-  non dovrebbe essere bruscamente interrotta se non in presenza di “notevoli motivazioni”.

Questo almeno è ciò che crediamo.

E auspichiamo che il carcere di Catanzaro ripristini la “custodia attenuata” degli ultimi mesi e riconsideri l’ulteriore apposizione di grate metalliche alle finestre, oltre che… naturalmente.. si impegni al massimo per l’igiene della struttura.

———————————————————————————————————————————————————————————————-

Ai Sigg.ri Direttori degli Organi di Informazione della Calabria

Gentili Sigg.ri Direttori,

sono il detenuto Natale Ursino, attualmente ristretto nella Casa Circondariale di Catanzaro Siano.

Con la presente, ed a nome di tutta la popolazione detenuta qui ristretta, desidero portarvi a conoscenza che in tutti i Reparti di Media Sicurezza (I^, II^, III^ e IV^) dal 20/09/2013 fino al 26/09/2013 si è tenuta una iniziativa di protesta nonviolenta e pacifica per sostenere la battaglia intrapresa dal Partito Radicale rifiutando il vitto ministeriale (colazione, pranzo e cena) fornito dall’Amministrazione Penitenziaria astenendoci anche fino al 01/10/2013 dall’acquistare generi alimentari e di conforto presso il Sopravvitto interno per chiedere con forza al Parlamento di esercitare la funzione legislativa anche per risolvere la gravissima situazione di sovraffollamento in cui versano i nostri Istituti Penitenziari, ormai diventata ingestibile e non più tollerabile, mediante l’unico mezzo possibile qual è quello dell’Amnistia e dell’Indulto, provvedimenti previsti dalla nostra Costituzione, in quanto, le norme “svuotacarceri”, “slavacarceri”, “salvacarceri” o come altro vogliam chiamarle, che sono state fino ad ora approvate, non sono servite a nulla !

Vi informo che il vitto ministeriale che è stato rifiutato lo abbiamo devoluto in beneficenza ai poveri della Caritas Diocesana ottenendo l’assenso al riguardo da parte della Direzione dell’Istituto nella persona del Direttore Dott.ssa Angela Paravati.

Qui a Catanzaro la situazione è davvero allucinante poiché, come saprete, a fronte di una capienza regolamentare di circa 350 posti sono ristretti in questo Istituto circa 600 persone in condizioni detentive che offendono ed oltraggiano la dignità umana e che sono ignobili per uno Stato di diritto come la Repubblica Italiana.

Recentemente in questa Casa Circondariale sono state apposte alle finestre di tutti i Reparti di Media ed Alta Sicurezza delle fitte reti metalliche che impediscono di far penetrare all’interno delle nostre celle fatiscenti e sovraffollate luce ed aria naturale e che, contestualmente, arrecano gravi danni alla nostra vista. Una situazione che determina una sofferenza in più non prevista da nessuna Legge e che viene giustificata in nome dell’igiene poiché alcuni incivili compagni gettavano dalle loro finestre della spazzatura che finiva a terra costituendo ricettacolo e proliferazione per topi ed altri animali che poi invadevano anche l’Istituto ivi compreso i Reparti e le nostre camere.

Purtroppo, ad oggi, nonostante l’apposizione di queste schermature metalliche la situazione è rimasta invariata perché continuano ad esserci tanti topi con i loro parassiti con grave pericolo per tutti noi, che viviamo qui già in condizioni precarie dal punto di vista igienico – sanitario, di prendere qualche brutta malattia ed infezione di cui i roditori sono portatori.

Qualche giorno fa questi animali sono stati avvistati anche nella Cucina dell’Istituto ove viene preparato il vitto prima di essere distribuito ai detenuti per cui, molti di noi, non si sentono più nemmeno sicuri di poter mangiare quel poco che lo Stato ci passa.

Tempo addietro, la situazione generale dell’Istituto, era stata oggetto – dietro nostre continue sollecitazioni all’amico Radicale Emilio Quintieri – di una Interrogazione Parlamentare rivolta ai Ministri della Giustizia e della Salute da parte dei Senatori della Repubblica Marco Perduca, Donatella Poretti, Salvo Fleres, Roberto Della Seta, Roberto Di Giovan Paolo e Francesco Ferrante. Quest’ultimo poi era venuto ad effettuare una Visita Ispettiva insieme a Quintieri ed ha avuto modo di constatare di persona il degrado, l’incuria e l’abbandono che regna in questa Casa Circondariale oltre alle condizioni detentive in cui siamo costretti a sopravvivere.

Considerata la persistente inerzia dell’Amministrazione Penitenziaria ritengo sia necessario che intervenga l’Azienda Sanitaria territorialmente competente, affinchè si proceda ad una seria disinfestazione per prevenire eventuali pericoli alla nostra salute in conseguenza della presenza di questi roditori e parassiti.

Infine, vorrei segnalare, che pochi giorni dopo aver intrapreso l’iniziativa di protesta, inspiegabilmente la vita detentiva è tornata al vecchio rigoroso regime custodiale ordinario mentre, da qualche mese, si era finalmente passati al regime aperto, una specie di custodia attenuata che ci permetteva di rimanere “liberi” nei nostri rispettivi Reparti al mattino dalle 9 alle 11,30 e poi nel pomeriggio dalle 13,00 alle 15,30 e dalle 16,00 alle 17,30.

Non riusciamo a comprendere il motivo di questo ritorno al passato specie in questo momento che il Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria ha proposto in tutti gli Istituti di Pena la cosiddetta “vigilanza dinamica” che prevede appunto il regime aperto per i detenuti che non sono classificati come pericolosi.

Ci auguriamo che ciò non sia dovuto come ritorsione per le iniziative di protesta che abbiamo messo in atto e che, ci tengo a sottolineare, si sono svolte regolarmente senza creare alcun problema per l’ordine e la sicurezza dell’Istituto.

Colgo l’occasione per inviare a voi ed a tutti i vostri lettori i miei più rispettosi saluti unitamente a quelli degli altri compagni detenuti in questa Casa Circondariale.

Catanzaro Siano, lì 03/10/2013 C.C. Catanzaro Siano

Annunci

Navigazione ad articolo singolo

2 pensieri su “Condizioni intollerabili nel carcere di Catanzaro

  1. Pina in ha detto:

    be ! buona questa esposizione, di questa lettera, dove esponi i problemi che vi trovante davanti, e che non riuscite a gestire, anzi la situazione crea disturbi nella sicurezza , specie igienica , portandovi al rifiuto del vitto, ma tu credi che qualcosa cambia ! be ci credo poco , lo so che dovrei essere meno pessimistica , ma come si fa con una società come la nostra , siamo diventati lo zimbello Europeo per il mal funzionamento diciamo no specifico , ma su tante cose che in italia non funzionano.
    L’italia sta diventato una topaia , ovunque si vedono e d’è impressionante , la furia perché dove passano, rosicchiano è distruggono , lasciando le loro impronte , con la cacca disgustosa. ma ognuno fuori può intervenire comprando , trappole e bustine , ma voi siete in trappola e ancora più grave .
    La situazione è vergognosa, e inaccettabile, ma chi vi garantisce, oggi se sono i garanti a non garantire la sicurezza di controllo che tutto funziona diciamo ottimale, certo posso immaginare, la finestra dove l’aria e luce sono destinati a passare , chiudendola non solamente non permette il passaggio ma favorisce malattie alla psiche , che a sua volta evolvendosi , si potrebbe impazzire .
    Ma non state zitti continuate la battaglia e quella di non resa se non si trovano delle alternative positive …
    Un saluti a tutti i detenuti dicendo di lottate, la vostra e una buona causa … speriamo che la vostra lettere , venga letta, riletta e riletta ….ci sarà uno che farà muovere tutto …per cambiare in meglio …ciao

  2. Giuseppe Rotundo in ha detto:

    è davvero allucinante cari amici come le Amministrazioni carcerarie esercitano pressione sulla popolazione detenuta,con metodi apparentemente legali che possono adottare di volta in volta a discrezione……Nel caso Specifico al posto di prendere atto della protesta e comprenderne le ragioni,si intende invece esercitare un potere coecitivo,quello che nella storia umana ha da sempre prodotto disperazioni, e ulteriori sofferenze. siamo di fronte come spesso detto ad un potere criminale istituzionale, che nn intende minimamente scendere a compromessi civili, esercitando una strategia torturativa, infliggendo ulteriori pena ai “condannati”. é IN QUESTI LUOGHI-NN LUOGHI. CHE SI PERCEPISCE TUTTA L INCIVILTà DEL RETAGGIO FASCISTA! SCHIFO – DISPREZZO-E VERGOGNA! VI abbraccio!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: