Le Urla dal Silenzio

La speranza non può essere uccisa per sempre.

Mia nonna Alexandra… di Alexei

Nonnas

(Integrazione al post inserite il 9 ottobre:

L’immagine che accompagna il post appartiene a Roberto Tagliani,

non è stata un’iniziativa del detenuto Alexei accompagnare alla sua poesia questa foto,

ma mia -Alfredo- perché l’ho trovata molto espressiva. 

Ho erroneamente creduto che fosse una immagine cosiddetta “diffusa”, ovvero quel tipo di immagini pubbliche che non hanno un chiaro riferimento ad un autore.  

Ora che l’autore ci ha scritto, riconosco il mio errore, e integro il posto con il riferimento a lui, ovvero a Roberto Tagliani)

A volte irrompono tesori di straordinaria bellezza

E ogni volta che accade, è un nuovo stupore.

Come con questa poesia di Alexei un ergastolano russo detenuto in Italia, che da un po’ di tempo Carmelo ci sta facendo conoscere.

Questa poesia dedicata alla nonna Alexandra – il cui nome usa come pseudonimo – è semplicemente sontuosa.

————————————————————

Il mio pseudonimo Alexandra fu il nome della mia amata nonna, che era sopravvissuta alla guerra civile in Russia, dopo la rivoluzione e che, nonostante era di sangue nobile, aveva sposato un commissario dell’armata rossa che era di sangue ebraico. Ed entrambi erano atei, ancora prima dell’ateismo ufficiale in Unione Sovietica. A me la nonna aveva detto soltanto una volta, ma guardandomi con il sangue di una vera strega: 

“Se il sangue mio, io sono.. tu sei”.

 Fu una donna straordinaria la mia nonnina: alta, bionda, magra, con un pessimo carattere di un solitario analitico. A volte la riconosco, guardando allo specchio me stesso.

—————————————————————————

Le lacrime della pioggia,

le gocce cadenti sui tetti,

un temporale oggi

mi ticchetta forte  ai vetri :

forse voi foste aperte

le dighe nel cielo viola?

Un temporale sui venti

sopra dei laghi vola:

sopra dei laghi-occhi,

verdi oscuri tuoi,

piove, ma non mi dispiace

udire lontani tuoni,

mentre a volte l’ombra

nei laghi si fa balenare

per fare apparire sopra 

un brillo da temporale.

Siamo, chi sono custoditi,

le donne dei doni nostri,

sui fondi dei laghi profondi

abbiamo segreti nascosti:

 I segreti primordiali

scroscianti a gocce cadenti 

nei laghi sacerdotali 

da tanti scaduti eventi,

per la causa quel tesoro

che noi vigiliamo, gelosi,

abbiamo gli occhi-laghi

fin dalla nascita misteriosi.

Annunci

Navigazione ad articolo singolo

7 pensieri su “Mia nonna Alexandra… di Alexei

  1. Giuseppe Rotundo in ha detto:

    Bellissima…Complimenti
    Quella pioggia che attenua i rumori lontani
    e fa vivere il ricordo!
    Un forte abbraccio Alexsandra!
    Unitamente al grandissimo Carmelo!

  2. Alessandra lucini in ha detto:

    La tua nonna si chiamava come me, bellissima la poesia, complimenti

  3. Pina in ha detto:

    bellissima , mi hai dotato tante emozioni , sono parole uscite da un cuore che assolve
    che ha emesso il suo bel colore rosso, che arde come una fiamma ancora accesa, per la tua cara nonna …
    che resta accesa, sei tu che l’alimenti, grazie Alexsandra

  4. Roberto Tagliani in ha detto:

    Bellissima la poesia …
    Magari prima di mettere delle immagini NON TUE chiedi almeno il permesso di usarle …

    Roberto Tagliani – il proprietario della foto

    • alfrhaed in ha detto:

      Roberto, la colpa non è di Alexei. Sono stato io- Alfredo- uno dei due amministratori del Blog, ad avere accompagnato la poesia a quella bellissima immagine. Credevo fosse un’immagine pubblica. Chiedo venia e ora aggiungo il riferimento a te come autore. E comunque, se preferisci che la tolgo, la toglierò.

      • Roberto in ha detto:

        Capisco che non c’è speculazione e per fortuna non ci devo campare di royalties, di conseguenza continua pure a usare la foto, però mettiti nei panni di chi ci vive di fotografia …
        Se tutti fanno così …

  5. alfrhaed in ha detto:

    Roberto, premesso che c’è stato un errore mio iniziale, di cui chiedo scusa e che ho rettificato con un chiaro riferimento a te ad inizio di post.. fatta la premessa che c’è stato questo mio errore… dimmi tu come preferisci che faccia. Nel senso che il tuo commento sembra.. “Non mi piace, ma fai comunque..”. Invece se non ti piace, me lo scrivi, tolgo la foto e ne metto un’altra. Io mi sono limitato a fare l’integrazione perché -so per esperienze concrete- molti fotografi preferiscono che ci sia la loro foto su un sito, purché -giustamente- con riferimento al legittimo autore, piuttosto che essa venga tolta. Quindi nel caso di foto senza loro riferimento, loro e preferiscono l’aggiunta del riferimento al togliere la foto. E sapendo, da molte esperienze sentite in giro, che spesso avviene così, ho creduto che fosse così anche per te. Ovvero che preferissi l’integrazione dell’informazione, al togliere la foto. Se invece preferisci che tolga la foto, basta che me lo dici chiaramente, e la tolgo. Nessun problema a farlo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: