Le Urla dal Silenzio

La speranza non può essere uccisa per sempre.

Ai miei insegnanti (prima parte)… di Nellino

Insegnas

Dopo una lunga assenza, il nostro Nelllin (Francesco Annunziata) -detenuto a Catanzaro- ci ha inviato una lettera con la quale -dopo la prova orale dell’esame di Stato- vuole ringraziare gli insegnanti che l’hanno seguito in questi anni, e per avergli dato forza e incoraggiamento.

Per la particolarità di questa lettera, l’ho divisa in due parti.. e oggi pubblico la prima parte.

————————————————————————————————————————–

Carissimi insegnanti tutti,

approfitto dell’unico mezzo che ho a disposizione per raggiungervi, per informare chi non era presente che ieri ho svolto la prova orale dell’esame di Stato. è andata benissimo, eppure oggi mi sento come se mi mancasse qualcosa. Come se avessi dimenticato qualcosa. Sarà che soprattutto negli ultimi giorni non ho fatto altro che studiare, o meglio negli ultimi quattro anni… :-)! E quindi sento come se non avessi nulla da fare. Stamane ho preso un libro di matematica e… ma non è stato sufficiente.

Mi mancate troppo, allora l’unico rimedio per provare a sentirvi ancora vicini come siete riusciti ad essere per tutta la durata di questo corso di studio, è… raccontarmi, raccontarvi e ringraziarvi ancora una volta come non sono riuscito a fare quando ne ho avuto l’occasione e forse come non riuscirò  a fare abbastanza. Grazie per tutto quello che mi avete dato, per l’umanità dimostrata, per le nozioni che avete con sapienza saputo trasmettermi, per l’affetto incommensurabile e il calore che tutti e qualcuno in particolare mi ha fatto sentire, quasi come una mamma. Grazie per avermi sopportato… e supportato in qualche momento di difficoltà personale. Non è semplice in luoghi come questo, incontrare persone pronte ad ascoltare senza sentirsi in obbligo di dover giudicare per forza. Grazie per avermi ascoltato e basta. Mi mancate, tutti, chi più, chi meno ma, per diversi motivi, per diversi gradi di rapporto instaurato, tutti mi mancate da morire.

All’esame ieri mi sono lasciato prendere dall’ansia da prestazione ma credo di essere riuscito nel mio intento, che era soprattutto quello, non tanto di dimostrare la MIA preparazione, quella la conoscete; quanto provare a dimostrare ai docenti della commissione esterna che docenti eccezionali siete e indebolire quel luogo comune dovuto alla disinformazione che vuole, i professori insegnanti in carcere, quasi dei nullafacenti. Credo di esserci riuscito  nel mio piccolo, poiché non si sono sprecati i complimenti da parte degli esterni, sia a me come studente, che agli insegnanti interni per la mia evidente preparazione. Quegli stessi complimenti denotano  un “pregiudizio” perché ritengo che un allievo, che si presenta agli esami di maturità e che viene “presentato” dai propri docenti con la media voto con la quale sono stato presentato io, debba possedere in maniera inequivocabile una preparazione adeguata, quindi la “sorpresa” è scaturita da cosa? A mio avviso un pizzico di scetticismo c’era. E’ ormai dato quasi per scontato che un carcerato non possa avere voti alti come quelli che con tanta generosità voi avete concesso a me, quindi si è propensi a pensare che siano un “pochino gonfiati”! Forse, quando ci si è accorti che quei voti erano pienamente meritati, congratularsi con chi aveva tanto lavorato per ottenerli è venuto di conseguenza.

Per me la gioia più grande è stata vedere negli occhi dei miei docenti l’orgoglio e la soddisfazione di avere fatto un buon lavoro, di avere un alunno preparato adeguatamente. E’ mancato poco che mi commuovessi nel guardare quelle espressioni. Spero che non se ne sia accorto nessuno, voi che mi conoscete, sapete quanto sia a mia volta orgoglioso, ma è stata davvero una grandissima emozione e mi piace rilevarla. Sapete di cosa vado fiero? Della vostra espressione, sicura, quasi di sfida nei confronti dei docenti esterni, quasi a volere dire: questo è il nostro allievo, ponetegli tutte le domande che ritenete opportune. Vado fiero di questo. Della tranquillità del prof. di Estimo, la sicurezza del prof. di Costruzioni, la certezza dell’impareggiabile prof. di Italiano. Questi sono i miei insegnanti che hanno avuto la possibilità di scegliere di accompagnarmi fino all’ultimo giorno, qualcuno che avrebbe voluto, non ha potuto a causa di norme all’interno dell’istruzione che vogliono che alcuni docenti di alcune materie, all’esame siano prescelti dal Ministero stesso e quindi… Qualcun altro “ha scelto”… :-)! Quasi per forza… :)! Credo sia naturale, anche per un alunno, simpatizzare per uno più che per un altro, di conseguenza a qualcuno ho espressamente richiesto di accompagnarmi fino all’ultimo e non posso non porre l’accento su questa ennesima dimostrazione di affetto, perché è giusto che si sappia, questa “scelta” è costata anche qualche rinuncia e in un periodo di crisi come quello che attraversiamo, ciò assume un valore più alto.

Come posso non dedicare un pensiero a quella che chiamo mamma, giocando e scherzando, che mi accompagna in questo percorso di studio fin dal primo anno? Amici miei di internet capirete che un figlio che dimentica la madre oltre a non essere un buon figlio,  anche un figlio in pericolo… :)!

Voglio rassicurare la mia mamma che era più in ansia per me per gli esami… apprensiva come tutte le mamme, nonostante fosse consapevole della mia bravura nella sua materia. Oi’ mà, tutto bene, sono rimasti impressionati soprattutto dal colloquio di inglese. Pensavano che fossi di madre lingua… :)! Giacché siamo da lontano, confesso che non mi sono risparmiato di chiedere: do you speak English?… tranquilla è stato un modo per rompere il  ghiaccio e per sorridere. Forse la più bella figura è proprio della mia prof di inglese, perché l’insegnante esterna, benché bravissima, simpaticissima e dolcissima, era anche un bel peperino e molto preparata. Non vedo l’ora che viene settembre per rincontrarvi tutti. Mi ha colpito molto la prof. di Topografia esterna. L’ho incontrata solo alla terza prova e poi all’orale, mi è parsa molto dolce, curiosa sicuramente :)! Credo che la passione per la matematica che ci accomuna abbia svolto un ruolo empatico molto rilevante, sembrava che ci conoscessimo. E’ stata molto attiva durante la prova scritta, perché ho affrontato per prima proprio la sua materia, era quella che mi preoccupava relativamente, proprio perché non conoscevo l’insegnante che avrebbe formulato le domande, invece per me si sono rivelate abbastanza semplici. Mi è piaciuta anche all’orale, mi ha lasciato una buona sensazione, credo sia una brava insegnante.

Il prof. esterno di Progettazione poi… è uguale ai miei insegnanti interni e quello credo sia il complimento più bello che possa fargli.

(FINE PRIMA PARTE)

Annunci

Navigazione ad articolo singolo

3 pensieri su “Ai miei insegnanti (prima parte)… di Nellino

  1. Rita in ha detto:

    NELLINO….IO TI HO SCRITTO POI NON HO PIU’ RICEVUTO….HO RITENTATO…..NULLA…………TI POSTO IL MIO INDIRIZZO…..
    RITA LEONE
    VIA A.TURCO 83
    CATANZARO

  2. pina in ha detto:

    Che cosa posso aggiungere quanto tu abbia già elencato , ti sei meritato tutte queste soddisfazioni , nell’applicazione di chi non si è perso, ma si è ritrovato, abbracciando la via per l’istruzione che ti fa aprire certi orizzonti , anche se…. !!!
    Ma il se è una storia molta lunga da affrontare , ma tu sei la, su quella strada dove ogni paura è incertezza vengo plasmate dal tuo umile sentimento riconosciuto da chi ti ha seguito, ti dico bravo e un ciao per la prossima, so che ci rincontreremo, per altre tue nuove 😉

  3. Alessandra lucini in ha detto:

    Commovente questo scritto, ma i complimenti io li faccio soprattutto a te, è bello quando dici che eri più contento per loro e che ti sei commosso, accidenti, ho già gli occhiu lucidi, ciao bellissima persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: