Le Urla dal Silenzio

La speranza non può essere uccisa per sempre.

Ahimé… di Emidio Paolucci

blus

Emidio Paolucci -detenuto a Pescara- è un Poeta, nel senso più profondo di questa parola.

Oggi pubblico altre due sue poesie.

—————————————————————————

AHIME’

Ho passato la mattinata

a darmi da fare con le idee.

Ho cercato

senza successo

di restare in vita

ma poi alla fine

ho strappato lettere

(inutili lettere)

che nessuno mai leggerà.

Lettere da dimenticare

già dimenticate.

Chissà perché crediamo di capire le cose

quando non abbiamo più scelte…

E’ tutto un malinteso

tutto

anche quest’irrefrenabile bisogno d’amore

è solo un malinteso.

Io

non posso permettermi più niente

neanche un malinteso…

————————————————————–

SOLO IL MATTINO

Non credo più a niente

perché non ho più niente in cui credere.

Voglio fare a meno

di tutte quelle storie

di tutte quelle situazioni

a cui volevo abituarmi

e che

non hanno più niente di originale ormai…

M’interessa solo il mattino

comunque esso sia

solo il mattino mi seduce

il resto non ha più importanza

non serve

non serve più.

Non mi rassegno

no

prendo atto che tutte le vecchie speranze

sono ormai  senza speranza

disperatamente inutili.

Si può sorridere

(si deve)

com’è successo ieri.

Sorridere distrattamente

dimenticando chi cerca uno sguardo

solo un inutile sguardo

attraverso un cancello aperto.

E poi ecco

vedi

diventa trascurabile anche la trascuratezza…

Cos’altro potrei dire ancora.

Annunci

Navigazione ad articolo singolo

3 pensieri su “Ahimé… di Emidio Paolucci

  1. pina in ha detto:

    Ciao Emilio , le ho letto le tue poesie , e tutte è due sono tremanti ,
    dentro di te , ci sono tante caverna , cerchi la via ed eccola qua.
    Tutto e duro lo so, senza quel fuoco che arde il cuore ,
    ha spento in te quelle speranze, rimaste legate tutte ad un filo.
    Si li hai strappate , forse sul serio , o solo pensato .
    Pensa e ripensa , niente viene eliminato , perché la vita da sempre vita .
    Sorridi sempre , questa è la strada che alla fine ti sei ritrovato .
    E quel cancelletto si apre in te sono le righe di questo percorso .
    Vedi l’hai trovato ??? scrivi e lui si aprirà sempre con tanti sorrisi
    ti sentirai trasportare, pensa anche a me pur non conoscendoti
    mi hai regalato un sorriso , che ricambio col mio dicendoti grazie …

  2. Alessandra lucini in ha detto:

    Ciao Emidio, le tue poesie sono un appuntamento con la tristezza…. un abbraccio 😦

  3. Il fatto che gli umani siano anche poeti a me dà speranza….

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: