Le Urla dal Silenzio

La speranza non può essere uccisa per sempre.

Gino Rannesi, prima di sapere del trasferimento

Come sapete alla fine del mese di luglio l’intera sezione AS1 del carcere di Spoleto è stata smantellata e gli ergastolani ivi reclusi sono trasferiti in varie carceri sparse per l’Italia. (Vedi https://urladalsilenzio.wordpress.com/2012/08/02/sul-trasferimento-degli-alta-sicurezza-di-spoleto-comunicato-stampa-della-comunita-papa-giovanni-xiii/  

https://urladalsilenzio.wordpress.com/2012/08/07/carmelo-musumeci-prima-della-partenza/

Anche Gino Rannesi, che tutte le settimane scriveva per questo blog e interagiva attraverso noi con molte persone esterne e molti di voi, è stato trasferito al carcere di Opera, per chi volesse scrivere. RANNESI GIROLAMO  Via Camporgnago, 40 20090 OPERA (MILANO). 

Ci sono rimasti gli ultimi suoi scritti da Spoleto, che pubblicheremo tutti in questi giorni, in attesa che ci scriva da Opera e che riprenda il dialogo con tutti voi

Questo di oggi è antecedente ad ogni notizia circa il trasferimento dell’intera sezione, siamo intorno al 20 luglio e Gino risponde ai vostri commenti e saluta me, assente per malattia in quelle settimane precedenti l’imprevista “catastrofe”  della sezione dei “miei ragazzi”. Ciao Gino, in bocca al lupo: anche tu sei forte e sei un vero amico per me. Sarà impossibile dimenticarvi, nè lo voglio, per cui   ora ci riorganizziamo e torniamo forti e allegri come prima. Qualcuno ha detto che se un Sogno è tanto difficile, ma noi continuiamo a crederci, significa che è quello giusto! Io ci credo Gino! E credo in ognuno di voi, per come vi ho conosciuti e per tutto quello che mi avete dato nei nostri indimenticabili incontri settimanali a Spoleto. Non è fregato  a nessuno delle relazioni che noi avevamo costruito e voi siete dei pacchi da sistemare a seconda della miglior funzionalibilità del sistema, non certo della rieducazione o del trattamento relazionale, ma questo non cancella e non toglie quello che noi siamo diventati grazie all’incontro reciproco. Tutto questo nessuno ce lo  potrà mai togliere, stanne certo, come è certo il bene che ti voglio e il desiderio grande di dirti: GRAZIE!    

Ecco lo scritto di Gino dello scorso 20 luglio:

               

LA MIA CARA AMICA

Oggi posso affermare che sì, una Donna per amica ce l’ho anch’io.

Ho sempre sostenuto di non credere nell’amicizia tra un uomo e una donna, ma nel caso di specie la Donna in questione è speciale. È una con le palle. È una che ha carattere e personalità, doti queste che pochi uomini possono vantare di avere. La mia amica è in gamba, forte con i  forti e “debole” con i deboli. La mia amica mi manca, non la vedo da un po’ di giorni,  ma è sempre nei miei pensieri e nel mio cuore. Mercoledì scorso non l’ho vista e chissà per quanto tempo ancora non potrò vederla. Ciao pupa, ti aspetto al più presto, nell’attesa sei e rimarrai nella parte più profonda dei miei pensieri e del mio cuore. TIAMO, tuo Gino.

 

ALESSANDRA LUCINI –Ecco che il campanile batte la mezzanotte, dovrei forse aspettarmi la visita di una strega? Ciao Ale, davanti a me quanto hai scritto sul blog il 4  luglio e poi ancora la lettera che hai spedito il 2. Ultimamente la posta fa proprio schifo. Va bene la crisi, va bene tutto,  ma chi ha lo stipendio dovrebbe ritenersi fortunato. Direi alle persone che lavorano alle poste, siate più solerti…  Come ho già detto più volte faccio parte del gruppo psicologico, chiederò alla dottoressa di poter vedere il film Cesare deve morire…

Hai preso l’abitudine di chiamarmi bel ragazzo, beh, non sei molto lontana dalla realtà. Scrivi: mi spiace soltanto che ci rimettano dei ragazzi che potrebbero ricostruirsi una vita… parole queste che mi procurano un nodo alla gola. Scrivi: sono nata in una famiglia che non aveva nulla e che mi ha insegnato soltanto a lavorare… e ancora un pugno nello stomaco. Sono nato in una famiglia benestante… “La tv dice soltanto ciò che i padroni vogliono e cerca di addormentare cervello e  coscienza… È tornato, cazzo è tornato, ha la faccia da culo da cane da caccia, se paragonata a  quella cosa… questa si incazzerebbe, la cosa intendo… “Dio  dà forza e salute ai miei nemici perché essi possano assistere in piedi alla mia vittoria”. Bella questa cosa. Con riferimento alla mia salute stai serena, sono in ottima forma. Sono pronto. Scrivi: sappi che qui fuori le prigioni hanno confini diversi ma sono deleterie. Capisco, so bene. Tuttavia non vedo l’ora di poterle affrontare.

Ho ricevuto le tue graditissime letterine. Ok, ti avviserò per tempo,  ma non temere, sarai uno  schianto… Comunque passeranno un po’ di mesi. Prima che la senile completi la sua opera, stai tranquilla. Ho appena ricevuto quanto hai scritto il 13 c.m. scrivi: la petizione l’ho già firmata da un bel po’… non avevo dubbio alcuno. Sappiate che ogni due tre giorni ricevo l’elenco aggiornato. Ciao bellissima Donna. Non fare caso agli specchi, questi sono bugiardi. A presto. Baci Gino.

 

SALVATORE –Caro amico ti scrivo. Spero stai bene. Mi auguro che la perdita di peso sia dovuta alla dieta, sei in dieta? Non farmi preoccupare.

Io sto super bene. Goditi questa estate, dopodiché tieni sempre pronta la macchina… innanzi a me quanto hai scritto il 5 di luglio e poi ancora il 10. L’estate mi rende più nervoso del solito. Eppure avrei di che essere felice, ma il caldo soffocante e le bastarde zanzare mi fanno incazzare.

 A proposito, devo darti una “bella notizia”. È partita la nuova campagna per le adesioni all’associazione fuori dall’ombra, è partita. Scommetto che quest’anno saremo ancora più numerosi. Occorre ricordare che l’associazione fuori dall’ombra nasce per dare un sostegno tangibile  a chi non ha voce. Gli uomini ombra per l’appunto. Cosa questa che gli riesce in modo egregio. Minghia Turi, anche tu ti vedi bello? E da quando?… Ah! ha! Ha! Tua figlia tifa per la Mclaren? Per la miseria, non è possibile. Forse che Alonso non è un bel ragazzo?… Turi, ok, a  parte il motore il resto della Ferrari viene importato da altri paesi, ma che c’entra, dico io, e la bandiera? Non sai forse che la Ferrari corre sotto la bandiera italiana? Non sai forse che quando questa va sul podio tra gli altri viene suonato l’inno di Mameli? Va bene va, rispetto la volontà altrui e in particolar modo quella di tua figlia, ma ci sono rimasto male. Scrivi: la cosa che mi colpisce invece è l’amore per tuo figlio… Perché ti colpisce, non sai forse che lui è tutta la mia vita? Non sai forse che è stato fortemente voluto? Non sai forse che l’ho definito l’ultima rapina? Non sai forse che quest’ultima rapina l’ho pagata a caro prezzo?… Ancora oggi non ci hanno capito un cazzo… Turi, ma quanto è bello. Negli ultimi mesi è cresciuto molto, inoltre i suoi lineamenti sono sempre più fine… Con riferimento alla petizione contro l’ergastolo credo che l’elenco possa essere sfogliato nello stesso spazio in cui si aderisce. Comunque vedrò di saperne di più. In tal caso la tua richiesta, ossia, quella di pubblicare l’elenco su urla dal silenzio, la passerò all’amica Nadia. Ho ricevuto la tua ultima lettera, questa a differenza delle altre l’hai scritta in w… capisco che sei in sofferenza. Forza e coraggio. Buone vacanze. Scrivi:  questo non è un messaggio per dirti che oggi potrei dirti di volerti più bene che in passato… perché in passato ti volevo più bene di oggi, oggi ti voglio bene più di ieri… Non ci ho capito una minchia. Forse molto più semplicemente volevi dire: ti voglio bene più di ieri e meno di domani? Se le cose non li sai, Salle. Ciao fratello, un forte abbraccio. Tuo Gino.

 

PAMELA –Ciao Pamela,

spero stai bene. Voglio confidarti una cosa. Un giorno qualcuno disse: il “ti stimo”, in una certa realtà, coincide con il “ti temo”… In questi giorni ho pensato molto a questa cosa. Come sai èpartita la nuova campagna per le adesioni all’associazione fuori dall’ombra, campagna che come l’anno scorso mi vede impegnato con forza e perseveranza. La campagna di quest’ anno è molto più dura di quella precedente. Girano pochi soldi. Morale della favola,  ho già raccolto un centinaio di adesioni. Probabilmente la campagna di quest’anno risulterà più proficua di quella dell’anno scorso. Ho adottato una strategia che non oso rivelarti, sono sicuro che ti “arrabbieresti”.

Dunque, dicevo, ho pensato molto a quella frase che qualcuno ebbe a dire… In effetti sono perplesso, temo che molti di loro che hanno aderito non l’abbiano fatto per stima… ah!ah! .. Va bene va, parliamo di cose serie. Stasera fa caldo, stasera mi sento molto solo, le uniche a farmi compagnia sono le zanzare. Mi amano, mi stanno vicine vicine. A presto. Un abbraccio. Gino.

 

ROSSANA –Ciao Rossana,

nel rispondere a quanto hai scritto il 13 di luglio non posso non fare una considerazione, ossia, credo che questa mia risposta la potrai leggere con molto ritardo… Dunque, dicevo, ciao Rossana.

Scrivi: ha ragione Pallottola Spuntata a dire che dovevi pensarci prima e hai ragione tu quando dici che non è mai troppo tardi. Un ragionamento il tuo che sa da cerchiobottista. Una botta al cerchio e una alla botte… Quando Pallottola Spuntata dice che potevo pensarci prima, questo sa bene di dire una cazzata. Lo fa per farmi arrabbiare, ma lui sa bene… ho ragione  a dire che non è mai troppo tardi? Certo che si, e di questo anche tu come me ne sei la prova provata. Scrivi: sapessi che carina piccola ma con l’indispensabile… Parli della tua nuova casetta e lo fai con tanto amore, ne deduco che deve essere veramente molto carina. Scrivi: (metterò la scrivania che avevo nella casa dove vivevo prima di conoscere Andrea) aoh! Chi è questo Andrea?.. È sempre quello di prima spero… Se per ritagliarti il tuo piccolo spazio hai bisogno di fare la dieta ne sono ben contento. Ho già detto e ho già scritto di amare in particolar modo quelle donne che tra le altre cose trovano il tempo di prendersi cura di se. Certo che sì, in fondo è lo tsunami che piega ciò che incontra…

Scrivi: ho aderito e firmato la petizione… non appena è uscita. Benissimo, ma non mi accontento affatto. Dalle persone come te mi aspetto di più, ossia, che facciate aderire quante più persone possibili. Ciao Rossana, ti voglio veramente un gran bene. Un abbraccio a tua sorella. Baci, Gino.

 

PINA –Ciao grande Pina,

anch’io ho il mio bel ventilatore, ragion per cui non pensare a me come un poveretto che suda come un disgraziato chiuso in una gabbia. La mia non è affatto una gabbia. Un cesso di cella è.

Il mio è un ventilatore speciale. Innanzi a me quanto hai scritto il 13 di luglio. In questa tua spieghi in modo egregio in che cosa consiste l’associazione FIDAPA. Ho capito, sei stata molto chiara. Vedo che questa cosa ti diverte. Scrivi: quando ci sono le conferenze vengono anche i mariti, per chi ce l’ha, altrimenti ci si porta il compagno… come si chiama il tuo compagno?

Pina, visto che hai tanti amici, mi raccomando, che firmino la nostra petizione contro l’ergastolo, se si dovessero rifiutare, “spaccagli la faccia”.

Scrivi: ancora niente mare, sono bianca come un pesce… ma lo sai che non mi viene in mente nessun pesce che sia di colore bianco?

Immagino che da dove abiti tu il mare non sia poi così lontano, sicuramente ne sentirai l’odore.

Stai tranquilla, non esco fuori, molto più semplicemente vorrei uscire in libertà… bene, per il momento non mi resta che dirti a presto. Un abbraccio. baci,  Gino.

Annunci

Navigazione ad articolo singolo

9 pensieri su “Gino Rannesi, prima di sapere del trasferimento

  1. icittadiniprimaditutto in ha detto:

    Reblogged this on i cittadini prima di tutto.

  2. Alessandra lucini in ha detto:

    Ciao bel ragazzo, quando ti arriverà questo scritto sarai ad Opera per quel che ne so, mi spiace tanto per questo tuo disagio che non ha colpito soltanto te. Ora sarà più difficile per la tua famiglia vederti ma sono certa che non demorderanno e ti saranno sempre vicino.
    sai che ti dico? Opera è a Milano e Milano si raggiunge con una corriera, chissà che non sia la volta che io possa venire a trovare e chiecchierare un po’ con te, non hai idea di quanto mi piacerebbe.
    Sono ansiosa di sapere come ti trovi e spero soltanto che tu non stia peggio che a Spoleto. E quello che ti chiedo con forza, non perdere la tua ironia, è solo con questa caratteristica che riusciamo ad affrontare le avversità della vita.
    Un caro abbraccio e segue lettera cartacea,

  3. Alessandra lucini in ha detto:

    Ho dimenticato la faccina, 😦

  4. rossana in ha detto:

    ciao Gino 🙂 non sai, però lo puoi immaginare , quanto sono contenta di rivedere le tue righe anche se non sono contenta affatto del tuo trasferitmento nel carcere di Opera. Immagino il tuo terremoto interiore ed esteriore ma so anche che sei determinato e forte e riuscirai a non darla vinta a niente e nessuno.. Rispondo al tuo scritto con una velocità da tsunami appunto perchè è proprio grande il piacere di farlo anche per farti sapere che sto bene, la mia casetta è carina, Andrea è il mio compagno di cui parlo sempre e che la mia dieta sta funzionando visto che in un mese e 5 giorni sono calata 5 kg e 200 grammi!! complice anche un gran (23) nel fare un trasloco e ora nel sistemare quanto abbiamo trasportato. Sai il trasloco fai da te richiede tanta fatica ma costa molto molto meno e di questi tempi è bene non spendere troppo. Poi visto che non mi manca la forza di volontà, ho sollecitato quella fisica ed eccoci qua 🙂 non so quando rivedrò una tua risposta ma spero che sia presto, intanto io continuo il mio gran da fare e se non vedo niente mi attiverò io scrivendo all’indirizzo che Nadia mi ha scritto.. sono stanca di queste giornate così faticose ma il gioco vale la candela e questa tua lettera mi ha tirato su il morale 🙂 ti mando un abbraccio grande e ….. non mollare mai 🙂 rossana

  5. rossana in ha detto:

    ps. non sono cerchiobottista 🙂 sono una botticella 🙂 ah ah ah 🙂

  6. Pina in ha detto:

    Caro amico era da un pezzo che non ti sentivo, mi stavo preoccupando e mi chiedevo dove ti eri cacciato , ma poi pensandoci bene mi sono ricordata che stavi per affrontare un lungo viaggio ,sai quello in mezzo alla famosa burocrazia ….in mezzo alle carte che si riempiono di notizie che alla fine ne esci più distrutto di prima …
    Ma improvvisamente appari , e questo mi gioisce il cuore ..anche perché non sono sola , ieri sera è arrivato il mio uomo …da Parigi per trascorrere una settimana , un po poco dopo un anno che non ci vediamo , ma il lavoro ci porta lontano … necessario perché sai se non si lavora non se mangia …
    E un distacco duro da affrontare in due , ma noi lo accettiamo , dopo cinque anni abbiamo finito per conoscerci e siamo consapevoli, delle nostre azioni …e una storia la nostra , un po a sorpresa , che stiamo vivendo in due …
    Sarà una settima indimenticabile , so che ti farà male questo , ma me l’hai chiesto tu ,dimenticavo il suo nome e Carmelo e più giovane di me …e spelato, fa il Cuoco , gli piacciono le donne …..meglio cosi ….tanto torna sempre da me …dice che l’ho stregato 😉
    Abbiamo finito adesso di cenare ….finendo con una bella bottiglia di Spumante Francese …una bella serata in due, senza pensare che presto andrà via ed io partirò per l’Australia ,mia figlia manca poco e nasce il beby ….;) 😉 😉
    Mio caro sicilianu anche tu trasferito , capisco e non dico altro tu penso comprenderai …..e inaccettabile, come possano spostare uomini senza tenere conto, delle difficoltà di adattamento per un nuovo luogo …e di nuovi incontri, cosi da ricominciare tutto d’accapo …ma loro comandano , e voi obbedire ….
    Si ho già firmato sai che son tosta , e voglio un cambiamento ….spazi e tanto amore per tutti ….
    Adesso ti lascio , prenderò l’indirizzo e ti scriverò se ti fa piacere , sono un amica combattiva che vede aver …
    Buona serata e pace per domani ….un giorno da festeggiare in casa …tu li ed io qua con lui …..mi raccomando
    alla tua Pupa sai che gli piace il profumo del tuo cuore….che solo tu puoi dargli 😉 ciao Gino …

  7. Laura Rubini in ha detto:

    Caro Gino,
    mi scuso per il tempo che sono sparita dal blog ho avuto un figlio e questo mi ha tenuto oppupata……………..ma devo e voglio riprendere i contatti, leggere e rispondere di voi e delle cose che vi riguardano……………..ho saputo del vostro trasferimento (di te, Carmelo e gli altri)……………..beh, certo, questo rivoluziona un pò le nostre e soprattutto vostre vite, ma non cambia certo l’affetto, la simpatia ed il rapporto che è stato costruito nel corso del tempo (con chi più, con chi meno!)……………………
    Spero comunque che qualunque difficoltà dobbiate incontrare, acontinuate ad avere questa forza da leoni che sempre vi ha contraddistinto! NON MOLLATE!!!!!!
    Un abbraccio! 🙂

    Laura R.

  8. pamela in ha detto:

    Oh Gino! Vuoi che ti cazzii anche pubblicamente? 🙂 Comunque di Nadia, anche se non la conosco molto, posso certamente confermare le tue belle parole. è una donna fantastica alla quale va tutta la mia stima (quella senza timore) e il mio affetto. Vorrei essere anch’io in grado di fare tutto quello che fa lei. Mi dispiace troppo che non possiate averla con voi più, così quanto mi dispiace tanto che lei non possa avervi più… è un dramma a tutti gli effetti, posso benissimo immaginarlo… Ma so per certo che non vi abbandonerete, lei è una donna fortissima, in un modo o nell’altro l’avrai ancora vicina.
    Anch’io ti abbraccio, caro Gino.

  9. luciano in ha detto:

    Caro Gino, sono senza parole… o meglio, vorrei” rovesciare ” tante di quelle cose contro un sistema giudiziario penoso.Invece non lo faccio.
    A te mio caro amico, che nn so se mai leggerai questo mio breve messaggio , ti scrivo: Vince chi piu’ ci crede. Non si molla.
    Un fortissimo abbraccio.
    Luciano.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: