Le Urla dal Silenzio

La speranza non può essere uccisa per sempre.

Sogno d’Amore… di Nellino

Francesco Annunziata -detenuto a Catanzaro- , il nostro Nellino ci racconta un suo Sogno, colmo di un tale Amore da tagliare il respiro.

———————————————————————————–

Ciao a tutti,

oggi vorrei raccontarvi un sogno che ho fatto stanotte, ed ancora non riesco a realizzare se è stato davvero un sogno, oppure senza rendermene conto, visualizzo una realtà inaspettata.

In questi luoghi le visioni oniriche sono molto più frequenti di quanto si possa immaginare, la mia è bellissima… J

Ho sognato una ragazza alta, mora, magra, occhi castano-verdi luccicanti come due brillanti depositati nei fondali più limpidi dell’oceano, labbra color ciliegie che sembravano costringermi a gustare ogni loro dolcezza, testa alta, fiera  e sicura, dita lunghe e sottili, ideali per liberare melodie divine. Si dirige verso di me, con il suo sorriso dolce e rassicurante. Spinto da un’irrefrenabile desiderio di stringerla a me, corro senza riuscire a raggiungerla, senza fiato, così vicini, eppure così lontani. Sembrava che ci fosse un muro invisibile, che c’impediva di raggiungerci. L’avrei  distrutto a pugni, fino a farli sanguinare e non sarebbero bastate lacrime per esprimere il dolore che provavo, la frustrazione che qualcosa di indistruttibile m’impedisse di realizzare ciò che desideravo… era insopportabile.

Riuscivo ad ascoltare le sue parole, anche se pareva provenissero da una voce lontana, disturbata da Eolo, il vento che tante volte era venuto in soccorso di quello che Venere ha consacrato come il Vero Amore… Puro… Sincero… si innalzava ad ostacolarlo. Non è facile sconfiggere voleri che sembrano sovrumani, che si oppongono a quest’amore, che tarda a concretizzarsi.

Fuori dal regno di Morfeo mi sento come un’anima perduta, che cammina in un mondo “ferito” che si disinteressa dell’amore che ormai mi scorre nelle vene. Lontano da quei baci mai avuti e senza i quali non riesco comunque a stare. Vorrei sapere cosa ho fatto per non poter vivere il mio amore ideale.

Mi sento come una foglia al vento che cerca di cadere nelle sue mani, di lei che incarna tutto ciò che ho sempre desiderato in un rapporto di coppia, lei che mi fa sentire importante in ogni momento, aperta al confronto, che sa mettersi in discussione, ha stile, ha classe, è intelligente, è donna al 100%. Libera, indipendente, “tosta”, non scende a compromessi.

A stare lontano da lei… la mia vita si è trasformata in un inferno. Ed è il paradosso per un diavolo tentatore come me, di quelli abituati al calore insopportabile delle fiamme che si sprigionano nel luogo in cui mi trovo, che oggi non riesce ancora a capire come, con un solo sguardo, sia riuscita a farmi diventare suo schiavo.

Uno sguardo penetrato al di là del “muro” per trafiggere un cuore ormai ferito e lacerato da ciò che è passato. Inconsapevolmente ha ridato luce ad una vita, che andava spegnendosi come una candela, consumata dalle intemperie (del tempo) “temporali”.

Un raggio di luce che mancava a questa vita rinchiusa nelle tenebre di una prigione, che non sempre è solo quella fisica.

Spero di sognarla ancora, ancora e ancora. Spero di sognare finalmente un giorno, dove riusciremo a stringerci in quegli abbracci tanto desiderati, che tanto ci mancano, anche se mai avuti, e dirci negli occhi tutto quello che proviamo in questo momento.

Cari amici questo che è un sogno infinito, dimostra come anche ciò che si crede impossibile, possa realizzarsi quando meno te l’aspetti. Basta incontrare la persona giusta. Chi poteva immaginare che in questo posto di m… potesse nascere un sogno d’amore? Chi poteva immaginare che ci si potesse innamorare in un sogno senza essere mai visti. Viaggia su binari così differenti il mondo “di fuori”… Vorrei raccontare a tutto il mondo questo sogno fantastico, perché è fatto d’amore, quello che forse non esiste più  e di cui avremmo tanto bisogno.

Sognare non costa nulla, eppure in troppi  hanno smesso di farlo. Qualcuno  a volte si sconta frontalmente con “la realtà”. Realtà a cui da adulti è inevitabile pensare, ma che a mio avviso in determinate circostanze, dovrebbe essere  abbandonata senza esitazioni, perché la forza di un sentimento vero, non risponde alla razionalità della mente, né della coscienza, ma solo agli impulsi del cuore, che sa essere anche egoista o sembrarlo, ma alla fine, che si vinca o si perda, è sempre e solo l’unico ad avere ragione. Ancorarsi a quella “realtà” moltiplica le angosce provate, aumenta, amplifica, raddoppia lo spessore di quelle “sbarre”  imprigionatrici, anche di quello che di più libero c’è, fin dalla notte dei tempi. Un uomo rinchiuso ha bisogno  di tante cose e di niente. Darwin insegna che “sappiamo adattarci”, di un’unica cosa non si può fare a meno, ed è: l’amore.

Trovarlo, anche se in sogno, mi ha riempito  la vita, ha colmato quel piccolo spazio vuoto rimasto e lasciato libero da coloro che sono sangue del mio sangue.

Quest’angelo apparso nella notte, l’amo. L’amo come mai avrei potuto immaginare di amare ancora.

Forse penserete che sono pazzo ad essermi innamorato di un sogno.. Beh! Chi non diventa pazzo d’amore?.. Ed anche se fosse?.. Almeno questa libertà credo possa essermi concessa no?..

Non faccio del male a nessuno, perché  anche se sogno, il mio è un amore autentico a tutti gli effetti e poi.. chissà che, la mia principessa dei sogni, il mio raggio di luce, in quanto “virtuale”, non viaggi anche essa nell’etere e si accorga che ha fatto centro nel mio cuore e all’improvviso si materializzi, trasformando quel sogno concreto in una splendida realtà.

Una realtà concreta che dal virtualismo della “rete” che tutto rende evanescente, effimero, incerto, insicuro… si trasfiguri nel corpo, assuma le sembianze del mio angelo… quello che mi coccola durante is ogni e mi fa sorridere alla vita durante il giorno… della quale ogni parola, gesto, sguardo sembrano essere perfetti… perfetti per me…

P.S.: questo sogno come d’incanto, qualche giorno dopo che avevo finito di scrivervi, si è “quasi” materializzato. Come potrei tenervi all’oscuro di un simile evento? Un Angelo caduto dal cielo si è materializzato alla mia vista, all’improvviso, mi ha regalato alcune ore di felicità… poi col tramonto e i primi raggi lunari… è svanita… lasciandomi desideroso di Lei.

Sono ridotto malissimo… sembro un fantasma che si aggira in questo castello… tutte le notti sono insonni… mi ha lasciato senza parole, si è fermato il cuore… e ritornare, oggi, nella cruda realtà… fa male… fa male dentro. Tanto quanto l’attesa fu realizzare questo “piccolo sogno” che quasi divora l’anima. Le risate “strozzate” in gola da una lacrima sbarazzina, che ha rigato il viso fino a giungere sulle labbra, mi ha fatto assaporare tutta l’amarezza per una “separazione” imposta da alte mura di cemento e fredde sbarre d’acciaio… che comunque nulla possono innanzi alle ali dell’amore…

Lei è quell’Angelo che Dio ha mandato quaggiù solo per me, sono solo un uomo fortunato, perché basta uno sguardo per farmi capire che è l’unica luce di questa vita. “Se io ti perdessi, perderei la mia felicità”. Sognare l’amore ogni istante lo rende perfino inaspettatamente.. familiare.. naturale, sciolto, quando lo si incontra.

Buonanotte Principessa de mie sogni…

Tuo “Ghost”..

Navigazione ad articolo singolo

6 pensieri su “Sogno d’Amore… di Nellino

  1. Maria Chiara in ha detto:

    molto bello caro Francesco… io sono certa che questo sogno diventerà qualcosa di concreto.
    Su una cosa ti biasimo però, si può vivere senza amore, solo la privazione dell’amore familiare può essere deleterio. Sicuramente chi sta dentro come te ha questa necessità maggiore di dare amore e di riceverne (in casi come il tuo, di Carmelo, etc), ma io (da fuori) non la sento, anzi, credo che amare significhi privarsi moltissime energie per un tuo benessere. Sarò egoista; ho amato e non intendo rifarlo.. alla fine, fuori, si sta meglio da soli!

    …Ma stai tranquillo, sono in pochi a pensarla come me!

    Mi viene in mente la canzone del cartone di Cenerentola “…e il sogno realtà….. diverrà!!”

    Un caro saluto
    Maria Chiara

  2. Alessandra lucini in ha detto:

    Mi hai lasciata senza parole…davvero i sogni si realizzano? O forse tun hai sognato un sogno possibile, adesso sono molto curiosa di saperlo. Hai sognato la tua donna, dì la verità… comunque sia Nellino, il tuo sogno è pur sempre l’amore, ed è vero, si può fare a meno di tutto tranne che a questo sentimento
    MOREM = MORTE
    AMOREM = NEGAZIONE DELLA MORTE
    AMORE = VITA

  3. Grazia in ha detto:

    Bellissimo sogno Nellino…anche se a vederlo da qui pare molto reale 😉
    anche perchè i sogni sono tali se è uno a sognarli, quando si è in due, allora si parla di vita vera.
    E non penso che tutti gli amori debbano o possano essere consumati necessariamente nella passione, quello è il modo più comune, più ovvio, ma certo non l’unico o il migliore.
    Ci sono grandi e potenti Amori che si realizzano a mezz’aria, lì tra nuvole e arcobaleni, al confine tra sogno e realtà. Sono quegli Amori che ti accompagnano per mano nel buio della nella notte e ti fanno cacciar giù le gambe dal letto al mattino, sono quegli Amori che conoscono respiri e sapori anche senza averli mai incontrati, che superano muri, barriere, distanze e sgomenti…e attraverso i quali puoi amare il mondo intero.
    Amori che ti ridanno la Vita.
    Sono felice che ti stia accadendo…non capita tutti i giorni 🙂
    ti abbraccio, Grazia

  4. Caro Nellino, continuo a risponderti… ma premetto che “sono famosa per la mia dolcezza”.
    credo nel tuo amore con la “ragazza alta, mora, magra, occhi castani-verdi luccicanti”.
    La “separazione imposta da alte mura di cemento e fredde sbarre d’acciaio” sono, secondo me, la motivazione che vi ha legati… non le rimprovererei così tanto anche se adesso a voi non servono più..
    …E quel “Vorrei sapere cosa ho fatto per non poter vivere il mio amore ideale”, bhè, quello che hai fatto (leggi tra e righe) è il nocciolo del vostro amore.

    Francesco, lo sia meglio di me che da dietro le mura nulla è semplice.. anche di ciò che sei più sicuro, quindi, data l’esistenza di questo amore vero, cerca-te di non rovinare nulla. Quest’avventura racchiude in se quasi del tutto la sofferenza per la condizione che si vive ma, d’altronde, senza questa… ci sarebbe (stato) quest’amore?

    Un (altro) caro saluto
    Maria Chiara

  5. Mio caro amico , cosa vuoi che di dica , il tuo sogno , si avvicina , a tanti altri sogni , che messi assieme ,
    formano un vero capolavoro …le privazioni , ci portano come sempre a trovare , delle fughe , e tu sembra
    che ci sei riuscito , certo non al cento x cento … Il tuo angelo personale , e quello migliore , sai conosce benissimo anche i tuoi gusti , e se ti può accontentare , ecco la sua magia miracolosa , anche se al mattino
    alle prime luci , vola, mettendosi al sicuro ,per non essere visto e catturato anche lui…
    Tutto ciò mi commuove , e nel mio cuore avverte il tuo dolore…di questa mancanza affettiva , che si chiama amore …e che si materializza…un giorno.
    Intanto , goditi i tuoi sogni..anzi ti posso dire che sei fortunato , a me non succede mai…perchè sento di essere
    io un angelo , e ho tanto lavoro …molti casi da seguire differenti , ma il raggiungimento e sempre quello dare
    una mano e una parola di conforto …
    Coraggio Francesco 🙂 🙂 🙂 ce la faremo …

  6. pamela in ha detto:

    Tra sogno e realtà… un confine così labile… Eppure invalicabile.
    Ma non per chi ama. L’amore rende liberi, distrugge ogni barriera, oltrepassa ogni confine, reale o irreale che sia. L’amore cavalca ogni onda impossibile, ti porta al di là dell’etere, al di là del virtualismo, al di là del tuo stesso orizzonte.
    Io penso che l’angelo che hai sognato ti sia venuto in sogno proprio perché anch’esso ha superato le barriere che vi dividevano. Viaggiando nell’etere, il tuo angelo ti ha trovato assumendo adesso le sembianze della tua principessa. Non è un caso, immagino.
    Sii certo, Francesco, che anche la tua principessa sta cercando il suo fantasma per renderlo reale. Sii certo, ancora, che la tua principessa, se ti ha trovato, è perché ti ha amato, ti ama. E ti attende, perché sa che un giorno la tua attuale condizione che ti vuole fantasma ai margini della realtà, si trasmuterà in reale. Un giorno tu sarai Uomo tra gli uomini, e per la tua principessa… sarai il suo principe.
    A nessuna donna è concesso tanto amore. Che venga da un luogo d’ombra e di tortura, o che venga da un mondo reale e sereno poco importa. Quel sentimento ti rende libero, lo provi quindi è autentico. E specularmente ne sei ricambiato. Di riflesso, la bellezza che tu vedi nel tuo sogno, è concretizzata ai suoi occhi. “Chi l’avrebbe mai detto che da dentro quelle mura potesse nascere un tale sentimento?” Se è nato, è perché stava dentro di te. Tu l’hai solo portato alla luce, riflettendolo in qualcuno che a sua volta lo portava dentro di se e che, nel vostro incontro, l’ha concepito. L’avete concepito.
    Un sentimento del genere, che si nutre di momenti mai avuti, di sensazioni mai sentite, di situazioni mai vissute… un sentimento che vive dell’attesa del domani, per quanto possa essere devastante, davanti a certe emozioni non può che crederci e continuare ad essere nutrito. Continua a nutrirlo, quindi Francesco. Perché, sii certo, il tuo sogno (la tua principessa) ti aspetta. E ti porta con sé, per quanto tu possa essere apparentemente soltanto un fantasma. Un giorno non lo sarai più. Continua ad amare, per essere quel principe che la tua principessa sta aspettando.
    Non star male per la tua condizione, ma continua a sorridere della felicità che puoi provare a saperti sicuro tra le braccia del tuo angelo. Che sia un dio ad avertelo mandato, o semplicemente (e più realmente) tu ad essertelo conquistato con l’animo che hai, non ti crucciare. “Viviti ogni momento” come se fosse l’unico. Non pensare al percorso che devi affrontare per arrivare al tuo domani, ma segui momento dopo momento, ogni tua emozione e nutri sempre di più il tuo sentimento. Il domani sarà lieve, e il tuo sogno sarà realizzato. Il vostro sogno, sarà realizzato.
    E se luce hai ricevuto, è perché luce hai donato! Il tuo angelo altro non è che un riflesso di quanto tu stesso sei. Il tuo angelo riflette ogni tua bellezza, ogni tuo raggio di luce, ogni tuo silenzio, ogni tuo sorriso. Il tuo angelo vive del tuo riflesso. E nel tuo riflesso trova vita.
    Vivitelo. Perché senza la tua vita, non vivrà neanche esso.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: