Le Urla dal Silenzio

La speranza non può essere uccisa per sempre.

Il mondo che vorrei… di Franco Cesarini

Franco Cesarini è uno degli amici più recenti del Blog.

Lo abbiamo conosciuto tramite la nostra Pamela.

E’ detenuto nel carcere di Rebibbia. Ha scontato 10 anni, e gliene mancano altri 15. Le sue condizioni di salute sono problematiche, avendo subito anche diversi infarti e portando sulle spalle il peso di molte sofferenze.

Oggi pubblico quest’altra sua bellissima poesia in dialetto romanesco.. che da’ ad essa una freschezza ed una vivacità sorprendenti.

———————————————-

N’ ANGOLETTO DE PACE

Oggi nun vojo parlà de me ma de tutto er mal’affare
che sempre più gira attorno a sto monno esasperato’
Chi cià er potere, chi cià er lusso, chi s’aggiusta er
processo, e chicià la pazzia de mannà la Concordia in avaria’
lo nun so un poetal Nun sto ar potere! E sitanto
volete sapè ciò la quinta elementare ste cose fanno male!
Mo come si nun bastasse stamo ammassati
vent’ore ar giorno so tant’ore e velo giuro male
male, male drento ar core.
Venite a sta prigione voi potenti, voi lussuosi, parlate
co me che so ignorante! È facile giudicà un delinquente
e vi assicuro de delinquenti se ne stanno annà parecchi
ma no co la legge 199 nol Se ne vanno si ma suicidati
e giudicati corpevolie innocenti ma …. na legge è sicura
e veritiera sargono in cielo e magari lassfi viveno
liberi e je piace perché finalmente lanno trovato
n’angoletto . N’ angoletto de pace.

 

 

About these ads

Single Post Navigation

3 thoughts on “Il mondo che vorrei… di Franco Cesarini

  1. Alessandra lucini on said:

    La tua poesia è semplicemente meravigliosa, complimenti Franco e te li faccio insieme al solito abbraccio :
    “Ne vorrei mille de braccia
    pe poterv’abbraccià tutti insieme nun momento”

  2. Eccellente poesia , non potevi trovar de meglio , de sputtana sta zozza
    giustizia che se fatto tutto un unico malloppo , per giudicar e mannar la gente
    tutti inta gaggia …ma si pirmittiti ve voglio dire anche io la verità , e ora che pigliate
    la vostra valigetta , e ci mittiti tutti i vostri mali affari e vi mittiti in fila ad aspettar
    il momento de iri fora da stu munno , che non ve vole, siete cattivi.
    Penso che sia giusto che prendano una lezione tempo a tempo ….il male viene ricambiato
    Un abbraccio Franco ;) ;) ;)

  3. Maria Chiara on said:

    Purtroppo la giustizia penale italiana di oggi è sporca del sangue di morti e suicidi in carcere.
    Il sovraffollamento è una delle tante motivazioni che spingono il soggetto detenuto a togliersi la vita.
    Anche io credo che per poter cambiare qualcosa del sistema carcerario bisogna partire dal basso, quindi, vedere con i propri occhi e ascoltare con le proprio orecchie.

    Un caro saluto
    Maria Chiara

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 223 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: