Le Urla dal Silenzio

La speranza non può essere uccisa per sempre.

Prodotti cancerogeni.. di Claudio Conte

Il nostro Claudio Conte -detenuto a Catanzaro- ci ha inviato questo testo dove riporta l’allarme, lanciato da alcuni centri, circa l’effetto devastante di alcuni additivi presenti e negli alimenti, e di altre sostanze chimiche presenti in prodotti di largo consumo.

Per le aziende produttori di prodotti di questo tipo le persone sono considerate come bestiame umano.

————————————-

Mi è stato consegnato il seguente comunicato sulla prevenzione e lotta comunicato scientifico sulla prevenzione e lotta contro i tumori. Lo invio sul Blog, includendo le stesse raccomandazioni riportate sul documento.

Il Centro antitumori di Aviano ha divulgato il seguente comunicato con la raccomandazione che sia divulgato il più possibile.

Ogg: ADDITIVI TOSSICI

Nella nota l’additivo E330 (glutammato monosodico) è indicato come il più pericoloso e tossico e tra quelli presenti negli alimenti di largo consumo..

Nella lista degli alimenti sono incluse:

- Merendine: Buondì Motta, Jolly Alemagna, Merendine Fabbri, Tin Tin Alemagna Briciola.

- Bibite: aranciata San Pellegrino, Bitter analcolco, Gingerino, Spume, Crodino, aranciata Cin Cin, aranciata lievissima.

- Dolciumi: caramelle alla frutta a spicchi, fondenti e assortite Sete Sere (perugina), Charms Alemagna.

- Sigarette: Ms, Marlboro, Kim, Multifilter.

- Lievito Bartolini.

Inoltre è chiesto di diffondere quest’altra informazione: il cloridratato di alluminio sarebbe la causa di numerosi cancri al seno. La biologa Gabriella Casanova Larossa ha lanciato l’allarme sull’utilizzo di antitraspiranti e deodoranti contenenti cloridrato di alluminio. Infatti, è stato rilevato come sia l’ascella il posto in cui si sviluppa maggiormente il cancro al seno nelle donne per una stretta correlazione con l’utilizzo di tali prodotti.

Al http://www.HudesaKaganow.com, impegnati nella lotta contro il cancro, ci pregano di fare girare questa nota informativa quanto più è possibile.

About these ads

Single Post Navigation

3 thoughts on “Prodotti cancerogeni.. di Claudio Conte

  1. icittadiniprimaditutto on said:

    Reblogged this on i cittadini prima di tutto.

  2. Alessandra lucini on said:

    Grazie Claudio, conosco questa lista ed è molto più lunga di quella che hai pubblicato, e allora pensi? Cosa posso fare per difendermi? e per difendere i bambini? Purtroppo poco, quando parlo di queste cose mi sento rispondere che se stai a guardare tutto non mangi più niente, c’è un indifferenza e una rassegnazione che sconcerta credimi. Comunque grazie per aver inviato questa lettera.

  3. ottimo lavorio il tuo , trasmettere per mettere al corrente il consumatore , che incurante , della sua salute , si alimenta con spazzature , si io le chiamo così , veleni nascosti , ma che nessuno li vede , tranne i curiosi , che
    vanno a curiosare , leggendo gli ingredienti …
    Ma le case produttrici sanno come devono infinocchiare ………l’uomo è sottoposto a pericoli , e il bello che ignora e si lascia trascinare , dalle loro luci ….etichette .
    Il male avanza e le malattie sono in aumento , il calvario e poi la morte conclude ….devastante , occorrere correre ai ripari , solo con la trasmissione , il passa parola , non è facile …per un uomo dove la mente e stata plagiata …non lavora ma si lascia guidare…e malata , l’hanno fatto ammalare …
    Fai bene trasmetti e un ottimo lavoro ….;)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 240 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: